Tra rilanci, paradossi temporali, universi distrutti e ricreati, ormai non si riesce più a capire una cosa: quante sono esattamente le squadre di Vendicatori? Tante, troppe forse. Abbiamo la Squadra Unione di Steve Rogers, con l’ingresso molto discusso di Deadpool, quella di Iron Man con le nuove leve Spidey (Miles Moralez), Nova (Sam Alexander) e Miss Marvel (Kamala Khan), i Nuovi Vendicatori, gli Ultimates rifondati da Pantera Nera, volendo anche lo Squadrone Supremo e l’A-Force. E ogni nuovo team porta con sé nuovi componenti, non sempre graditi ai fan di vecchia data.

Pensate solo a quanto è stato lungo e travagliato il percorso dell’amichevole Uomo Ragno di quartiere o del vecchio Wolvie prima di entrare a far parte degli “eroi più potenti della Terra”. Abbiamo visto nella formazione super-tizi con una storia editoriale fin troppo breve o poteri e personalità non all’altezza del supergruppo. Talvolta questi personaggi vengono messi in secondo piano, finendo nell’oblio, altre volte risultano un fallimento per la Casa delle Idee, costretta a veloci cambi di rotta per rimediare a scelte troppo frettolose.

Vediamo quindi 10 dei Vendicatori più assurdi e, molto probabilmente, dimenticati. Pronti a un tuffo nel passato?

10 – STARFOX

Starfox

Alias Eros, nativo di Titano e fratello di Thanos. Sì, quel Thanos, quello che per ricercare l’onnipotenza e compiacere la Morte cerca oggi un Cubo Cosmico, domani un Guanto dell’Infinito. Creato da Fiederich e Starlin, viene mostrato all’inizio in un semplice cammeo su un numero di Iron Man nel 1973. In seguito, dopo essere stato alleato dei Vendicatori in diverse missioni, diventa un membro in prova del team nel 1983, assumendo il suo nome di battaglia. Essendo un Eterno, la sua fisiologia è diversa da quella degli esseri umani, rendendolo immortale, dotato di elevate forza, velocità e resistenza, oltre alla sua capacità di stimolare con la parola i centri del piacere presenti nel cervello. Un potere utile, quando fai parte di una squadra con tante belle supereroine!

9 – RAGE

Rage

In un contesto di fermenti sociali come quello di inizio anni ’90, un eroe afroamericano di nome Rage (Rabbia), sembrava una trovata commerciale piuttosto maldestra. Sono gli anni delle rivolte contro la polizia razzista di Los Angeles e, di lì a poco tempo, ci sarà il processo a O.J. Simpson, che farà particolarmente leva sulla sensibilità razziale del popolo americano. Creato da Larry Lama e Paul Ryan, Elvin Haliday, in arte Rage, costituisce un’altra meteora nel panorama variegato dei Vendicatori. La sua carriera di supereroe nasce quando viene esposto ad agenti tossici che lo fanno diventare improvvisamente adulto e straordinariamente forte. Insieme a Justice e Speedball costituisce uno dei membri fondatori dei New Warriors, entrando, dopo poco più di un anno di pubblicazioni, a far parte dei Vendicatori, venendo selezionato prima come riservista e poi come membro attivo da Capitan America! Inutile dire che il successo del personaggio fu breve, e la sua militanza negli Avengers lo fu ancor di più.

8 – JUSTICE

Justice

Alla Marvel, negli anni ’90, dovevano avere questa strana idea per cui i New Warriors fossero una sorta di serbatoio di futuri Vendicatori. Nato nel 1975 dalle idee di Jerry Conway e incarnato dalle matite di Dok Heck, uno dei papà di Iron Man, Vance Astrovik è un mutante con limitate capacità di telecinesi, ampliatesi dopo un paradosso temporale che coinvolge una sua versione futura. Ci viene mostrato inizialmente come aiutante della Cosa e, in seguito, come membro del disgraziato gruppo dei New Warriors. Dopo che la continuity Marvel originale viene ristabilita (in seguito al fallimento del reboot “La Rinascita degli Eroi”), i Vendicatori iniziano a subire una serie di attacchi di natura arcana. Alla Mansion vengono convocati non solo i Vendicatori, ma anche altri eroi di New York, ed è qui che Vance Astrovik, in arte Justice, entra a far parte delle storie degli Avengers, venendo invitato nel team da Occhio di Falco. Che dimostra un cattivo gusto degno di Cap, in queste scelte. Inutile dire che la sua permanenza nel team sarà breve.

7 – DARKHAWK

Darkhawk

Doveva essere l’Uomo Ragno del 2000. Invece fu una meteora, ricordato con affetto da alcuni, con odio viscerale e sarcasmo da molti altri. Nato nel 1991 dalla collaborazione di Tom DeFalco e Mike Manley, Chris Powell è un ragazzino che trova per sbaglio un amuleto alieno che gli dona un’armatura dotata di vari poteri, tra cui quello di emettere energia concussiva, volare, superforza, sensi potenziati e artigli retrattili. Insomma, una sorta di mash-up tra vari poteri di supereroi già affermati, col chiaro scopo di pomparlo il più possibile per farne un personaggio di punta. Purtroppo, la sua testata chiuderà in tempi relativamente brevi (quattro anni), ma il danno sarà enorme, dandogli il tempo di entrare nei Vendicatori della Costa Ovest.  La sua ultima apparizione lo vede in coma profondo, dopo essere stato quasi ucciso nella serie “Avengers Arena” dai suoi compagni dell’Accademia dei Vendicatori. Un ragazzo popolare, insomma.

6 – TRIATHLON

Triathlon

Una cosa ormai dovrebbe esservi chiara: negli anni ’90 nei Vendicatori si entrava con tale facilità da screditare completamente il valore dell’istituzione. La presenza di Triathlon negli Avengers è qualcosa che causa ancora incubi e ripensamenti pure al più accanito dei Marvel fan, costretto a domandarsi in virtù di quale motivo questo ragazzo, nato dalla collaborazione di Busiek e Pérez nel 1998, possa essere stato considerato uno dei Più Potenti Eroi della Terra. I suoi poteri? Essere tre volte più veloce, forte o resistente di un uomo al massimo delle sue capacità fisiche. Qualcosa che, insomma, lo rende meno veloce di Quicksilver, meno forte di Hulk, meno resistenze di Wolverine. Versatile, ma non la migliore delle aggiunte, cosa di cui si resero conto anche gli sceneggiatori della Marvel. Recentemente Valeria Richards, degna figlia del padre, ha l’idea di inserirlo in un team durante l’evento AXIS. Quando si dice raschiare il fondo del barile.

5 – FIRESTAR

Firestar

Scaldiamo la classifica. Letteralmente! Sì: quella Stella di Fuoco, l’eroina mutante “amica” di Spidey nel cartone animato anni ’80 “L’Uomo Ragno e i suoi Fantastici amici”, creata ex novo solo per questa serie ed entrata in seguito nella continuity classica di Terra-616 come una delle allieve di Emma Frost. Dopo che i Marvel fans avevano sofferto abbastanza con la Rinascita degli Eroi, i Vendicatori vengono rifondati e, per l’occasione, lei e l’amico Justice entrano a far parte dei Più Potenti Eroi della Terra in qualità di riservisti. Giusto il tempo di far parte di una scazzottata con lo Squadrone Supremo e sparire.

4 – FULMINE VIVENTE

Fulmine Vivente

Pochi si ricorderanno di questo personaggio, ormai quasi del tutto scomparso dai radar degli sceneggiatori Marvel. Eppure, all’inizio degli anni ’90, la Casa delle Idee sembrava puntare forte su questo personaggio, frutto della mente degli sceneggiatori Dannette e Roy Thomas. Figlio di un estremista della Legione Fulmini Viventi, il giovane Miguel Santos diventa accidentalmente composto di pura energia. Dopo un breve periodo come nemico dei Vendicatori della Costa Ovest, diventa parte del gruppo nel 1991, partecipando anche a eventi come Tempesta della Galassia e la Crociata dell’Infinito. Dopo una breve comparsa in Civil War, durante la quale si schiera al fianco di Cap contro la registrazione, entra nei Rangers, il gruppo di supereroi texani creati durante l’Iniziativa dei 50 Stati, scomparendo lentamente dalla pagine e dalla memoria della Marvel. Capace di trasformare il proprio corpo in pura elettricità, è dotato di una discreta velocità ed energia, cosa che non fece dubitare della bontà del suo inserimento nei Vendicatori, per quanto certamente prematuro agli occhi dei fans, che non ebbero mai il tempo di conoscere e affezionarsi al personaggio.

3 – KID DUE PISTOLE

Kid 2 Pistole

Qui, signori miei, andiamo sul difficile! Capire per quale motivo Kid Due Pistole sia diventato un Vendicatore è una di quelle cose che mi tiene sveglio la notte. Ma siamo seri? Un pistolero del vecchio West, giunto per un paradosso temporale ai nostri giorni, Vendicatore? Il personaggio, nato negli anni 60 sempre da Lee-Kirby, riprendendo un personaggio della Golden Age, risulta essere una delle aggiunte più strane fatte ai Vendicatori nel corso dei decenni. Ogni tanto qualche riferimento nemmeno troppo velatamente sarcastico alla sua aggiunta al team viene fuori, venendo ricordato con affetto da una salva di pernacchie dai fans, un po’ come la gonnella di Occhio di Falco o la Spider Buggy.

2 – D-MAN

D-Man

Mi asciugo una lacrima. Perché D-Man, nato nel 1985 dall’unione di Mike Carlin e Ron Wilson,  era davvero un personaggio adorabile. Come si può non amare questo ragazzone che, dopo aver fallito nel diventare un giocatore professionista di football americano si sottopone a un esperimento che lo rende troppo forte per giocare in qualsiasi campionato? Comparso per la prima volta sulle pagine del fumetto dedicato alla Cosa come membro del roster della Unlimited Class Wrestling Federation, una federazione di wrestling dedicata ai superumani, diventerà pochi anni dopo il sidekick di Capitan America, dimostrando una lealtà e una fedeltà alla causa commoventi. Persino il suo costume, nato dalla fusione della maschera di Wolverine e della prima calzamaglia di Daredevil, non faceva che rendermelo più simpatico cosa che deve aver pensato pure Cap quando lo ha insignito del titolo di Vendicatore. Dopo essere stato dato per disperso, aver fatto parte prima di una comunità di eschimesi e poi di senzatetto, essersi schierato contro la registrazione per poi accettarla dopo la morte di Cap, essere stato scartato come possibile “tata” per la piccola Michelle Cage, essersi schierato contro i Vendicatori ed essere morto, Demolition Dunphy è tornato in vita giusto il tempo di vedere il suo universo distrutto durante la fine del Multiverso! Come detto, il caro D Man è dotato di forza fisica e resistenza estremamente elevate, che gli hanno consentito di gareggiare con altri forzuti dell’universo Marvel come la Cosa, accompagnato da una discreta tecnica di lotta, appresa nei suoi anni nella UCWF. Memorabile la scena del suo arrivo alla Mansion con paninazzo al seguito, insieme alle proteste di Namor e Pantera Nera per la sua presenza, indisposti dall’odore pungente del nostro eroe. Quaterback, wrestler, sidekick, sarto, Vendicatore, senzatetto: questa è la tua vita Dennis Dunphy!

1 – UOMO SABBIA

Uomo Sabbia

Sì. Esatto. Avete letto bene. Quell’Uomo Sabbia! Il cattivone che ha picchiato Spidey e i Fantastici Quattro un numero imprecisato di volte, creato da Stan Lee con i disegni del grandissimo Steve Ditko nel 1963. Vi sorprende la presenza di un supercriminale tra i Vendicatori? Provate un po’ a pensare ad alcuni dei membri più famosi del gruppo: Occhio di Falco, Scarlet, Quicksilver, Visione. Non hanno tutti avuto, chi più, chi meno, problemi con la giustizia? Per non parlare di Hulk, considerato alla stregua di una calamità naturale! Una delle caratteristiche dei Vendicatori, dopotutto, è sempre stata questa: concedere ai criminali redenti una seconda occasione, ed è esattamente ciò che accade con con William Baker a.k.a. Flint Marko a.k.a. Uomo Sabbia nel 1991. Inutile dire che il rigare dritto e la sua permanenza nel gruppo durò pochi anni, ma ci ha comunque regalato alcuni momenti indimenticabili, tra cui il suo personale grido “Vendicatori Uniti” e il definire l’Uomo Ragno “un uomo infinitamente migliore” di Spadaccino (l’altro… la versione alternativa)! Cose che possono sconvolgere le già fragili basi dell’universo Marvel.

ARTICOLI SCELTI PER TE

  • Michelangelo Giacomelli

    Visto che hai citato lo spadaccino proveniente dalla saga dei raccoglitori un altra vendicatrice per brevissimo tempo è stata pure Magdalene. Tra i dimenticati citerei anche gli eterni Sersi e Gilgamesh; l’aliena Deathcry, la criminale pentita Calabrone II, il mistico Dottor Druido, la torcia umana originale (Hammond) e la Songbird vista durante Avengers Forever

No more articles