Quando parliamo dei giochi della serie principale di Pokémon, parliamo di qualcosa in costante evoluzione. Una saga di vent’anni che, nel tempo, ha saputo migliorarsi ed esprimersi al meglio, rivelandosi generazione dopo generazione, gioco dopo gioco, sempre più capace di innovarsi. E la sua continua evoluzione si è rivista grazie a Pokémon Ultrasole e Ultraluna. Proprio per questo Stay Nerd ha deciso di premiare questa coppia di titoli come Gioco del Mese di Novembre.

Un premio che potrebbe quasi essere dedicato alla carriera di una saga che vanta alle spalle  una così lunga attività e così tanti successi, celebrati con un efficace riedizione di quei titoli di Settima Generazione che, per quanto molto gradevoli, avevano mostrato un po’ troppa fretta nel loro rilascio.

I giochi con cui la saga dei Pokémon dicono addio alla famiglia 3Ds ci hanno mostrato cosa può fare Gamefreak quando può mettersi all’opera senza briglie.

Abbiamo avuto così dei giochi Pokémon longevi, completi e dotati di una bella trama, che sembra davvero capace di mostrare il meglio di questa settima generazione.

Il tutto senza mai lasciarsi alle spalle la verve e il calore che da sempre contraddistinguono i giochi Pokémon, quella capacità di creare un legame tra l’allenatore e la squadra allenata per affrontare una nuova coloratissima avventura sotto i cieli Alola.

I nuovi Pokémon introdotti, l’episodio post Lega, le nuove prove e la loro elevata difficoltà, gli avversari capaci di usare contro di noi Pokémon potentissimi e rari e molte altre piccole attività che rendono il gioco più completo e appassionante dimostrano ancora una volta la sua capacità di migliorarsi.

In attesa di scoprire quale sarà la prossima console di riferimento per noi allenatori di Pokémon non resta altro da fare che giocare questo nuovo titolo, celebrando la nostra ultima avventura su Nintendo 3Ds.

Per l’occasione, ecco il tributo del solito grandioso Mattia Iacono, che interpreta il tema a modo suo con l’immancabile stile che lo contraddistingue.

ARTICOLI SCELTI PER TE

No more articles