Horizon Anteprima: Guerrilla torna con una nuova IP

Ambientare storie in futuri post-apocalittici è sempre piaciuto, bisogna ammetterlo. Le ultime decadi, anche per congiunture storiche particolari (chi ha detto 11 settembre?), non fanno eccezioni. Bene, proviamo a fare una cosa allora: immaginatevi un mondo ormai in rovina, dove una natura selvaggia domina incontrastata fra cieli azzurri e lande di vegetazione color pastello, sovrastando il ricordo di metallo e cemento del progresso e la razza umana (?) o almeno quello che ne resta, è regredita fino allo stadio primitivo abitando un mondo sconosciuto e con le poche forze e conoscenze a disposizione cerca disperatamente di sopravvivere. Fin qui ci siamo? Bene, a quanto detto aggiungete pure la presenza di esseri biomeccanici, da semplici “robocerbiatti” a enormi “simil T-Rex”, a costituirsi come ulteriore minaccia. Figata non trovate?

Ebbene, tutto ciò rappresenta il soggetto del prossimo lavoro dei Guerrilla Games (quelli di Killzone per intenderci) in esclusiva per Playstation 4. Horizon Zero Dawn, questo il nome del titolo, in realtà non si è presentato come una novità assoluta, alcune indiscrezioni e qualche artwork infatti giravano da diverso tempo su internet, ma è stato proprio in occasione dell’appena trascorso E3 che Sony ha deciso di ufficializzare le indiscrezioni e presentarlo al mondo in tutto il suo splendore.

horizon_zero_dawn_screenshot_9_

Ho appena usato quel vocabolo non a caso: il gioco, appunto, ha mostrato fin da subito un comparto tecnico di prim’ordine unito ad una libertà di movimenti ed azioni davvero niente male. La demo mostrata ci ha messo nei panni di una cacciatrice intenta a procurarsi del cibo e al suo successivo incontro-scontro con bestie robotiche, mettendo in risalto tutta una serie di possibilità di gameplay davvero interessanti e che lasciano presagire la necessità di un pizzico di strategia sul come agire (come ad esempio la possibilità di staccare pezzi della corazza dal corpo del nostro nemico ed usarli contro di essi, oppure lanciare con una sorta di balestra dei cavi per bloccare ed ancorare l’avversario al terreno per scoprire i suoi punti deboli e finirlo, ecc…). Come annunciato dagli sviluppatori, la natura di Horizon: Zero Dawn sarà quella di un action con elementi RPG inserito in un mondo open-world (a 1080p e 30fps) liberamente esplorabile (anche se i dettagli non sono del tutto chiari), così tanto per non far mancare nulla.

horizon_zero_dawn_screenshot_8_

Con queste premesse, e contando che la demo ha mostrato una versione pre-alpha, Horizon: Zero Dawn si candida senza dubbio come uno dei giochi più interessanti mostrati durante l’E3 2015.

  • Andrea ‘Artos’ Laise

    speriamo si rendano conto della necessità di un monster hunter di stile occidentale. Perchè al momento sembra proprio quello.