Doppia dose di zombie nazisti

La prolifica Midnight Factory, sempre pronta a soddisfare i reconditi desideri collezionistici di ogni amante dell’horror che si rispetti, sforna l’ennesima edizione imprescindibile. Stiamo parlando di Dead Snow Collection, una Limited Edition contenente i due film della serie Dead Snow e un booklet con tanto di immagini e retrospettiva sulla produzione di entrambe le pellicole. 

Ma cos’è Dead Snow? Si tratta di un film di genere low budget norvegese, diretto dal talentuoso Tommy Wirkola. La storia, è un concentrato di cliché del cinema horror, ma sempre efficaci: un gruppo di giovani amici si ritrova per una vacanza in una baita, circondati da neve e catene montuose. Ritrovano uno scrigno con un antico tesoro appartenente al Terzo Reich, e così risvegliano un gruppo di zombie nazisti che riposava sotto i ghiacci da decenni. La prima parte del film è piuttosto inquietante e attendista, fatta di suspense, che cerca di creare tensione, con i protagonisti ignari della minaccia letale che in maniera sfuggente colpisce uno a uno i vari membri del gruppo. Ad un certo punto però, Wirkola si scatena, e il film si trasforma di un fuoco d’artificio splatter, fatto di scene surreali e sopra le righe, tanto amore per il genere (che il regista dimostra con mille citazioni velate come ad esempio Evil Dead di Raimi) e mestiere. Un film divertente fino alla fine superato solo dal suo seguito, Dead Snow 2 Red vs. Dead, in cui Wirkola molla totalmente le briglie per esasperare al massimo il lato pazzo e ludico della formula.

Qui abbiamo un setting molto più elaborato, un intero paese minacciato dall’esercito di zombie nazisti sempre più numeroso e “incazzato”. Il protagonista, unico superstite del precedente capitolo, cercherà di mettergli i bastoni tra le ruote, grazie al supporto di un nuovo potere acquisito in una maniera che non vi voglio assolutamente spoilerare, ma che è perfettamente in linea con la vena folle del film. Questo gli dona una forza sovrumana e la possibilità di resuscitare i morti. Wirkola riesce a creare una serie di situazioni una più fuori di testa dell’altra, mostrando violenza e ironia bilanciate in modo sopraffino, dimostrando un notevole occhio nella messa in scena e nella capacità di tenere sempre alto il ritmo fino alla fine. Unica pecca di questo secondo capitolo: qualche personaggio veramente fastidioso e scritto in maniera un po’ ingenua ed eccessivamente banale, come la cricca dei poliziotti mezzi rimbambiti e in parte, anche quella dei “Nerd”, che risultano una macchietta davvero poco credibile della categoria.

Il Disco

Qualità video ottima in entrambi i casi e sonoro augli stessi livelli, con addirittura la possibilità di godere nel caso di Red vs. Dead, della traccia Italiana in DTS-HD. Per quel che riguarda i contenuti speciali, sommando quelli di entrambi i film troviamo Al macello in cui viene sviscerata la genesi del primo film dal dietro le quinte, Intervista a Tommy Wirkola e Bryan Jones, il classico commento audio, e alcune features originali davvero niente male. Per l’esattezza parliamo di un fumetto digitale di Red vs.Dead e gli Storyboard e artwork del film. Infine, forse l’extra più piacevole e prezioso, il cortometraggio Armen, una piccola perla che dà un valore aggiunto niente male all’intero pacchetto.

Verdetto

Dead Snow Collection è francamente un acquisto irrinunciabile per tutti i fan degli zombie movie e la maniera migliore per recuperare la bilogia di Wirkola. Si tratta di due tra i prodotti più originali e riusciti nel genere degli ultimi anni, e aggiungerei, due film complementari da gustarsi rigorosamente in coppia. Il solito occhio di riguardo di Midnight Factory nel presentarli con una edizione particolare e curata sia esternamente che nei contenuti digitali, è la ciliegina sulla torta. Nella loro versione blu ray, i film inoltre presentano una immagine vivida e un sonoro pulito di cui difficilmente ci si può lamentare. Che altro volete di più?

Dead Snow Collection - Recensione Blu-Ray
8.5Overall Score
Reader Rating 0 Votes
0.0
No more articles