Old enough… per andare in tv, non per stare da soli

Esperienze importanti fin dalla tenera età possono segnarci per sempre o dico subito: anch'io, come moltissimi in queste settimane, sono andata in brodo di giuggiole guardando i piccoli bambini giapponesi fare le loro prime...

Bubble: una rivisitazione originale del mito de La Sirenetta

Bubble può sembrare un film in stile Makoto Shinkai, ma invece si rivela qualcosa di diverso e più intrigante u Netflix è sbarcato in questi giorni un nuovo film animato giapponese di Tetsuro Araki...

Il cosplay dovrebbe essere per tutti

Cosplay e il movimento del body positivity personaggi di fantasia possono essere un conforto, un’ispirazione, un idolo in cui rivedersi. Con il cosplay, migliaia di appassionati in tutto il mondo assorbono momentaneamente l’identità...

Keitai Shōsetsu: la letteratura dei giovani degli anni Duemila

In realtà tutto ebbe inizio negli anni Novanta opo la wave anni Ottanta, siamo già da un po’ immersi in quella anni Novanta (non è assolutamente dovuto al fatto che in questi anni i...

Beyblade: trottolino mostruoso dudù dadadà

Il nuovo millennio è iniziato all'insegna di trottole e mitologia nipponica. Beyblade ha segnato un'epoca per una generazione. Torniamo ad inizio secolo in compagnia di Takao ancestrale paura del passaggio dal 1999 al nuovo...

Ousama Ranking e la velata (ma non troppo) propaganda nazionalista giapponese

Ousama Ranking, l'anime underdog dello scorso inverno, nasconde molto più che una storia di rivalsa dietro i suoi disegni infantili n questi ultimi mesi, Ousama Ranking si è costruito la fama di anime underdog...

“Dobbiamo conservare il più possibile il contenuto delle opere” – Intervista a Gualtiero Cannarsi a Romics 28

A Romics 28 abbiamo intervistato Gualtiero Cannarsi, dialoghista e direttore del doppiaggio italiano che opera prettamente nell'ambito dell'animazione giapponese. Qui trovate una prima parte dell'intervista e poi quella completa nel video in calce Nel doppiaggio, quanto influisce la conoscenza...

Anime e manga hanno mantenuto vivo il mio desiderio di imparare (ancora) la lingua giapponese

Dopo la laurea mollo… o forse no opo anni passati a sbattere la testa contro un muro fatto di kanji, regole grammaticali e professori madrelingua rigidissimi, mi sono laureata in lingua giapponese. Chi lo...

Cosa vorrei da Tekken: Bloodline

Tekken: di joypad e d'amore vrò avuto circa 7 anni quando, presso uno stand di una fiera del paese, presi in mano il joypad grigio della leggendaria Playstation per vestire i panni di Eddy...

Old enough… per andare in tv, non per stare da soli

Esperienze importanti fin dalla tenera età possono segnarci per sempre o dico subito: anch'io, come moltissimi in queste settimane, sono andata in brodo di giuggiole...

Bubble: una rivisitazione originale del mito de La Sirenetta

Bubble può sembrare un film in stile Makoto Shinkai, ma invece si rivela qualcosa di diverso e più intrigante u Netflix è sbarcato in questi...

Il cosplay dovrebbe essere per tutti

Cosplay e il movimento del body positivity personaggi di fantasia possono essere un conforto, un’ispirazione, un idolo in cui rivedersi. Con il cosplay, migliaia...

Keitai Shōsetsu: la letteratura dei giovani degli anni Duemila

In realtà tutto ebbe inizio negli anni Novanta opo la wave anni Ottanta, siamo già da un po’ immersi in quella anni Novanta (non è...

Beyblade: trottolino mostruoso dudù dadadà

Il nuovo millennio è iniziato all'insegna di trottole e mitologia nipponica. Beyblade ha segnato un'epoca per una generazione. Torniamo ad inizio secolo in compagnia di Takao

Ousama Ranking e la velata (ma non troppo) propaganda nazionalista giapponese

Ousama Ranking, l'anime underdog dello scorso inverno, nasconde molto più che una storia di rivalsa dietro i suoi disegni infantili n questi ultimi mesi, Ousama...

“Dobbiamo conservare il più possibile il contenuto delle opere” – Intervista a Gualtiero Cannarsi a Romics 28

A Romics 28 abbiamo intervistato Gualtiero Cannarsi, dialoghista e direttore del doppiaggio italiano che opera prettamente nell'ambito dell'animazione giapponese. Qui trovate una prima parte dell'intervista e poi quella completa nel video in calce

Anime e manga hanno mantenuto vivo il mio desiderio di imparare (ancora) la lingua giapponese

Dopo la laurea mollo… o forse no opo anni passati a sbattere la testa contro un muro fatto di kanji, regole grammaticali e professori madrelingua...

Cosa vorrei da Tekken: Bloodline

Tekken: di joypad e d'amore vrò avuto circa 7 anni quando, presso uno stand di una fiera del paese, presi in mano il joypad grigio...

Cardcaptor Sakura: religione, esoterismo e molto altro

Cardcaptor Sakura, IL majokko delle CLAMP ardcaptor Sakura rimane ancora oggi una delle serie mahou shōjo che meglio è riuscita a distinguersi nell’immaginario comune. Un...

Nino, il mio amico Ninja: eroe delle TV private

Negli anni ottanta e novanta le TV private regalavano perle dell'animazione nipponica. Nino, il mio amico ninja è il simbolo di una TV in via d'estinzione

Angeli protettori, della terra custodi! – Tokyo Mew Mew, l’adorato majokko di Mia Ikumi

Addio a Mia Ikumi: la co-creatrice di Tokyo Mew Mew ci lascia prematuramente ancano pochi mesi all’uscita di Tokyo Mew Mew New - il remake...