Natale con i tuoi… videogiochi

Quello delle festività natalizie è un periodo bellissimo dell’anno per noi videogiocatori, che un po’ torniamo bambini con l’attesa del Babbo Natale di turno a cui chiedere titoli in regalo, o semplicemente col fatto che finalmente si ha un po’ più di tempo libero per recuperare qualche titolo che, ligi al dovere come siamo, magari ci siamo persi.

Ma Natale è anche il momento per le megariunioni familiari dove, tra mangiate epocali, improbabili tombolate e auguri poco sinceri da parenti che non vediamo dalla precedente vigilia, si può cercare di rendere il tutto più interessante grazie ai nostri amati videogame.

Perché accontentarsi di un misero ambo strappato alla nonna, quando si può organizzare un super torneo e mazzuolare in allegria i proprio cuginetti, ricordando alla loro generazione chi comanda? E se invece non potete batterli, beh, come recita il proverbio, unitevi a loro con una bella avventura in co-op, magari.

Ecco dunque una bella lista di titoli che potrebbero fare al caso vostro per ravvivare un po’ il periodo.

A way out (Link)

A Natale siamo tutti più buoni, quindi mettiamo da parte le rivalità e iniziamo con una bella avventura cooperativa per due persone. A Way Out è un gran bel gioco da giocare in due, con una narrazione di primo livello e un gameplay minimalista e semplice, tanto da poter essere giocato anche da chi coi videogiochi non abbia particolare affinità.

Se vi attira l’idea di passare il cenone cercando di evadere di prigione, sfuggire alla polizia e farla pagare a un vostro vecchio nemico, beh, non cercate oltre: questo è il gioco che fa per voi.

Borderlands: The Handsome Collection (Link)

Con la Collection di Borderlands si va a colpo sicuro per ravvivare una serata, o per fare un regalo a un amante degli sparatutto. La scatola include Borderlands 2 e The Pre-Sequel, probabilmente il capitolo più bello e quello più brutto della saga, ma che giocati in compagnia fanno sempre la loro bella figura. Un gazillione di tonnellate di armi, nemici fuori di testa, dialoghi assolutamente divertenti e un gameplay divertentissimo, fanno della saga di Gearbox un must-have per tutti gli appassionati degli FPS e non.

I giochi di Playlink 

Niente grida “Seratona ignorante” come la collana di PlayLink, un nuovo modo di intendere il party game targato PlayStation. Tutto quello di cui avete bisogno per giocare è infatti il vostro smartphone e qualche compagno di gioco. Esistono diversi tipi di giochi, e una sfiziosa idea per Natale potrebbe essere quella di prendere la collection fisica che racchiude 4 dei più importanti titoli: Sapere è Potere, Hidden Agenda, Dimmi chi sei! E Singstar Celebration, ma i giochi sono tutti disponibili anche singolarmente. Particolarmente consigliati Dimmi chi sei!, una sorta di improbabile quiz in cui dovrete rispondere a delle domande sui vostri amici, e disegnarne assurde caricature, e Sapere è Potere, che è invece un quiz vero e proprio, e di cui è appena uscita una nuova versione, I Decenni.

Mario Kart 8 Deluxe (Link)

Con l’annuncio del remake di Crash Team Racing, dalla prossima estate ci prepareremo a rituffarci nel più celebre dualismo per quanto riguarda i racing arcade: CTR vs Mario Kart. Per il momento però la corona è indiscutibilmente nelle mani di Mario Kart 8 Deluxe, che porta su Nintendo Switch tutto il divertimento di uno degli episodi più belli di sempre. Radunate i cugini e organizzate il torneone, e l’ultimo classificato su Pista Arcobaleno paga pegno!

Super Mario Party (Link)

There’s no party like Mario Party, e Super Mario Party uscito un mesetto fa su Nintendo Switch promette davvero di monopolizzare le vostre serate. Soprattutto se avete un altro parente che possieda una Switch, potete davvero divertirvi moltissimo con l’interazione fra le due console e la miriade di minigiochi che compongono l’apprezzatissimo nuovo capitolo della saga. Mandate giù quell’ultima forchettata di spaghetti e mentre aspettate l’ennesima portata, datevi da fare con quei Joy-Con!

Super Smash Bros Ultimate (Link)

Super Smash Bros. Ultimate uscito così a ridosso del Natale, è come se gridasse “COMPRAMI! PASSA LE FESTE INSIEME A ME!”, e infatti una volta inserita la cartuccia nella Nintendo Switch, è come se rimanesse incollata all’interno della console, visto che non la toglierete praticamente mai più. Perfetto tanto per le partite al volo tra una chiacchiera e l’altra, tanto per passarci l’intera serata (o perché no, il veglione di Capodanno) a riempir di mazzate senza pietà i vari personaggi dell’infinito roster.

Overcooked 2 (Link)

Il primo Overcooked fu una sorpresa per quanto riuscì a divertirci, ed il secondo ancora di più. Si tratta di un gioco in cui verrete catapultati in una folle cucina piena di ostacoli e imprevisti, e dovrete collaborare per consegnare quanti più piatti possibili ai vostri clienti. Fidatevi, sentirsi novelli Gordon Ramsey urlando contro i vostri compagni per non aver completato in tempo un hamburger, mentre intanto la cucina va a fuoco e voi siete caduti nella lava con i piatti in mano, non ha prezzo. Basta che non vi trasformiate in Cannavacciuolo che poi è un attimo che iniziate a prendere tutti a schiaffoni, cosa non proprio consona allo spirito natalizio.

Spyro Reignited Trilogy (Link)

So cosa state pensando: “Ma come, i giochi da fare in famiglia e poi metti un single player?”. Sì, perché si può stare insieme anche giocando un po’ per uno, come ai bei vecchi tempi, passandosi il joypad, magari facendo una vita a testa. E se parliamo di vecchi tempi, come possiamo non citare il recente remake di Spyro? La trilogia del draghetto, una delle più celebri mascotte dell’epoca PlayStation, vi farà tornare indietro nel tempo, magari al Natale in cui vi hanno regalato proprio un episodio di Spyro The Dragon. E se siete il cugino più grande, o meglio ancora lo zio figo o la zia nerd, potete anche fare il vostro dovere sociale di buon gamer, istruendo i più giovani sui giochi della vostra epoca.

Astrobot + PSVR (Link)

Qui si fa un po’ lo stesso discorso dei giochi single-player di cui sopra, ma c’è un motivo in più per provare e far provare Astrobot durante la vostra serata-giochi: la VR. Astrobot da molti è stato paragonato a Mario 64, che all’epoca fece fare al platform il salto di qualità aggiungendo per la prima volta la terza dimensione. Questa avventura su PlayStation VR vi garantiamo che farà apprezzare il visore di Sony da chi ancora lo considera un orpello mezzo inutile, e stupirà il vostro cugino-zio-parente che non ha mai avuto l’occasione di provare la realtà virtuale. E se proprio non dovesse funzionare, potete divertirvi a prendere in giro il malcapitato di turno guardando le sue disavventure sullo schermo. Fidatevi, è un win-win in ogni caso.

Arms (Link)

Se amate mazzuolarvi in allegria e cercate un’alternativa a Smash, su Nintendo Switch c’è anche Arms, un particolarissimo picchiaduro col quale potete giocare anche utilizzando i sensori di movimento dei joycon. Scegliete il vostro personaggio, assegnate un potenziamento da incorporare al braccio, e fatevi strada nell’arena verso il vostro avversario, schivandone i colpi e tentando prese e pugni che lo mettano K.O. Il fatto che sia molto più divertente se giocato usando il movimento delle braccia lo rende anche perfetto per smaltire un po’ di calorie accumulate durante le feste, che non fa mai male.

 

1, 2, Switch (Link)

1, 2, Switch è quel classico gioco che a una prima occhiata sembra una cagata, a una seconda occhiata pure, e… beh, in realtà è effettivamente un po’ una cagata. Ma è uno dei quei giochi che giocato con la gente giusta può davvero svoltare la serata. Tra improbabili duelli fra pistoleri, gare di scassinamento di casseforti, competizioni fra mangiatori di hot dog, il titolo contiene una innumerevole serie di minigiochi, tra cui siamo sicuri, ce ne sarà qualcuno che troverete davvero irresistibile. Dategli una chance.

Lego Dimensions (Link)

Eh lo so, purtroppo ogni tanto, soprattutto a Natale, tocca far felici anche i più piccoli. Magari per dare un po’ di respiro ai “grandi” che stanno preparando il cenone, oppure perché avete perso l’ennesima battaglia a Mario Kart e dovete pagare pegno. Lego Dimensions è un titolo che farà felici i bambini, ma che se apprezzate i celebri mattoncini potreste sicuramente trovare sfizioso, anche per via del migliaio di franchise che comprende. Dai Simpson a Batman, passando per Harry Potter e il Signore degli Anelli, c’è sicuramente il livello che fa per voi all’interno del gioco, che si sviluppa all’interno di una pedana che andrà costruita con le vostre manine, e con la quale dovrete poi far interagire le varie minifigure che trovate nel gioco base e nelle varie espansioni. Un toy game di tutto rispetto insomma, che ha una durata potenzialmente infinita.

PlayStation Classic (Link)

Più che un gioco consigliato, qui consigliamo l’intera console: si tratta di PlayStation Classic, riedizione in miniatura della storica prima console Sony. A dire il vero non si tratta di un prodotto riuscitissimo, ma si sa, la nostalgia tira eccome, e la possibilità di giocare a capolavori del passato come Metal Gear Solid, Final Fantasy VII o il primo Grand Theft Auto, rende veramente difficile il resistere a quest’oggettino. Vale lo stesso discorso fatto per Spyro: ripercorrete magari coi cuginetti più giovani, l’epoca d’oro della prima PlayStation, fategli conoscere i giochi coi quali siete cresciuti e senza i quali probabilmente non avremo i Fortnite e i PUBG di adesso. E magari fate partire il torneone di Tekken 3, che a distanza di vent’anni dall’uscita è ancora uno dei picchiaduro più belli di sempre.

Nintendo Labo (Link)

Altro giochino dedicato ai più piccini è sicuramente Nintendo Labo, ma per la sua particolarità potrà essere apprezzato un po’ da tutti. Anche qui infatti bisognerà costruire i vari modelli con le proprie mani, e grazie ai kit di Nintendo montare e suonare un pianoforte, o assemblare e guidare un’automobilina o meglio ancora dare vita al robottone definitivo sempre utilizzando dei semplici pezzi di cartone, è un’esperienza che può affascinare anche i più grandi. Senza contare che è un’idea regalo veramente figa.

Pro Evolution Soccer 2019 (Link)

Avremmo potuto citare anche  FIFA 19, ma per noi di Stay Nerd la battaglia quest’anno l’ha vinta il gioco di Konami. Il mega torneo di PES è un classico di ogni cenone o veglione che si rispetti, e anche quest’anno non può mancare. Con una grafica sbalorditiva e un gameplay più compassato e realistico rispetto alla controparte di EA Sports, la simulazione di calcio giapponese quest’anno si presenta davvero in grande spolvero, a patto di soprassedere sulla cronica mancanza di licenze. Battere il PM Black White rispetto alla Juventus ha effettivamente un sapore un po’ più amaro, ma sconfiggere il vostro cuginetto più giovane convinto di battervi solo in virtù della sua giovane età non ha prezzo.

No more articles