ARF 2019 – L’intervista a LRNZ, insieme a Dr Commodore

Durante ARF 2019 abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Lorenzo Ceccotti in arte LRNZ, che abbiamo intervistato insieme ad un amico e collega, ovvero Lorenzo Marcoaldi di Dr Commodore.

Qui sotto ne potete trovare un breve estratto, e più in basso il video con l’intervista completa.

arf intervista lrnz
Comincia subito con le domande Lorenzo Marcoaldi.

Qualche anno fa hai detto che la lettura di Akira ti ha tolto ogni pudore in fase di scrittura. Quanto ha influito quest’opera sul tuo modo di lavorare?

Si tratta di uno dei fumetti più belli in assoluto, quindi è inevitabile che incida un po’, anche se io non ho mai nascosto di essere uno di quegli eretici che sostiene sia meglio il film, perché è molto più concentrato sulla polarità e sul dualismo dell’amicizia tra Tetsuo e Kaneda.

Restando in ambito cinematografico, un parere sul tanto chiacchierato ed imminente reboot americano di Akira?

Beh, non lo so. È un po’ come dire: “Stanno rifacendo la Gioconda”. Che dire… Buona fortuna.
Secondo me puoi solo sbagliarla una roba del genere, perché è difficile fare centro due volte, anche soltanto dal punto di vista statistico.

Nonostante l’importanza dei nomi che ci sono dietro? Si era parlato di Leonardo DiCaprio come produttore…

Sì ma diversi reboot con i grandi nomi dietro poi non hanno fatto centro. Pensiamo pure a Blade Runner 2049, con Villeneuve, che aveva sempre realizzato ottimi film…

Beh, non è stato disprezzato dalla critica…

Da alcuni critici. Secondo me invece non è un film riuscito (sorride n.d.R.).

Lorenzo Marcoaldi passa poi la palla al nostro Leonardo.

Riallacciandomi a questo discorso, qual è la difficoltà principale nel riuscire ad inquadrare il focus di determinate opere che vengono dall’altra parte del mondo? Penso anche a Ghost in the Shell, ad esempio.

Intendi per riuscire a trasformarli?

Esattamente.

Secondo me se un’opera è un capolavoro generalmente lo è perché è perfetta per quel medium. Questo non vuol dire che non possa nascere, ad esempio, un bellissimo film da un romanzo, basti pensare a Kubrick. Ci sono dunque dei casi in cui il gioco di prestigio funziona, ma non è un caso che abbia funzionato spesso con gli autori che hanno tradito l’opera originale.
King non ha mai nascosto di essere scontento dell’adattamento di Shining…

Qui sotto il video con l’intervista completa.

Nato e cresciuto a Roma, sono il Deputy Editor e Vice Direttore di Stay Nerd, di cui faccio parte quasi dalla sua fondazione. Sono giornalista pubblicista dal 2009 e mi sono laureato in Lettere moderne nel 2011, resistendo alla tentazione di fare come Brad Pitt e abbandonare tutto a pochi esami dalla fine, per andare a fare l'uomo-sandwich a Los Angeles. È anche il motivo per cui non ho avuto la sua stessa carriera. Ho iniziato a fare della passione per la scrittura una professione già dai tempi dell'Università, passando da riviste online, a lavorare per redazioni ministeriali, fino a qui: Stay Nerd. Da poco tempo mi occupo anche della comunicazione di un Dipartimento ASL. Oltre al cinema e a Scarlett Johansson, amo il calcio, l'Inghilterra, la musica britpop, Christopher Nolan, la malinconia dei film coreani (ma pure la malinconia e basta), Francesco Totti, i navigli di Milano (vabbè, so' un romano atipico), la pizza e la carbonara. I miei film preferiti sono: C'era una volta in America, La dolce vita, Inception, Dunkirk, The Prestige, Time di Kim Ki-Duk, Fight Club, Papillon (quello vero), Arancia Meccanica, Coffee and cigarettes, e adesso smetto sennò non mi fermo più. Nel tempo libero sono il sosia ufficiale di Ryn Gosling, grazie ad una somiglianza che continuano inspiegabilmente a vedere tutti tranne mia madre e le mie ex ragazze. Per fortuna la mia attuale sì, ma credo soltanto perché voglia assecondare la mia pazzia.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui