Dreams può essere confusionario all’inizio, data l’enorme mole di esperienze e giochi da provare. Ecco quali sono, ad oggi, i migliori!

Partiamo da un presupposto: su Dreams si può trovare ben altro, oltre al videogioco. Il peculiare prodotto Media Molecule è stracolmo di diorami, spezzoni musicali, cortometraggi e sculture, diffuse in maniera uniforme sulla piattaforma. Abbiamo quindi deciso di aiutarvi nell’esplorazione, consigliandovi i migliori giochi presenti su Dreams

Inoltre, esistono una serie di creazioni della stessa Media Molecule, e ovviamente sono tra le più facilmente reperibili e complete. Infine, su Dreams si trovano tonnellate di omaggi, remake, citazioni e palesi riproposte di titoli famosissimi e che di certo non hanno bisogno di pubblicità: dal video omaggio per Death Stranding fino alla ricreazione di uno spezzone di The Last of Us con Ellie, troverete centinaia di opere e creazioni ispirate al mondo del videogioco, del cinema e della cultura pop in generale (c’è persino un microgioco dedicato a Odissea nello Spazio). 

Nell’elenco che segue, cercherò di non citare opere con queste caratteristiche, perché credo siano lontane dall’obiettivo stesso del progetto, e cioè di sfidare la voglia di creare qualcosa di nuovo da parte degli utenti. Eviterò di parlare di ciò che non è videogioco, altrimenti la lista rischierebbe di diventare un piccolo capitolo di un libro. 

Ecco i migliori giochi che potete trovare su Dreams!

THE LOOPER

The Looper è un platform classicissimo, privo di particolari originalità ludiche, ma che sorprende proprio per la sua capacità di essere un “normale” gioco in un luogo che di giochi “normali” ne ha davvero pochi. L’avatar che utilizziamo è diventato uno dei personaggi più iconici e amati dalla community, riproposto in altre creazioni in giro per Dreams. Un’esperienza breve e simpatica per tutti i palati.

HAUS OF BEVIS

Haus of Bevis è diventato uno dei simboli di Dreams, sia per la sua pubblicazione quasi immediata sul gioco Media Molecule (è arrivato sul catalogo digitale dopo poche settimane dal lancio dell’early access), sia per l’assoluta particolarità del progetto e dell’opera in generale. Si tratta di una sorta di walking simulator museale atipico e con vicende assurde che si sviluppano durante il percorso, a tratti palesemente surreali e volutamente incomprensibili: in sostanza, la definizione stessa di “sfogo creativo”.

dreams migliori giochi

THE OFFROAD LANDS

In the Offroad Lands guidiamo una macchina che gira per ambientazioni diverse, strane e atipiche, prive di alcun legame tra loro, che rappresentano soltanto le capacità del creativo che le ha ideato. Sfruttando dunque il più classico dei mezzi di trasporto videoludici, l’autore ci accompagna in un viaggio breve ma curioso, con una piccola sorpresa finale che strapperà un sorriso. 

SLIDEOUT 3019

Un vero e proprio Wipeout. Ok, non un vero e proprio Wipeout, certo, ma è un miracolo che un gioco creato all’interno di Dreams abbia già raggiunto prima del lancio effettivo del gioco un livello di pulizia simile: divertente, adrenalinico, purtroppo non particolarmente competitivo ma appagante anche solo alla vista. Per chi al nome Wipeout versa sempre una malinconica lacrima.

dreams migliori giochi

CURIOSITY

Un piccolo, toccante esperimento narrativo interattivo, dedicato al rover Opportunity, inviato dall’umanità su Marte e divenuto famoso nel 2019 per via della frase (mai effettivamente inviata alla NASA) “la mia batteria si sta esaurendo, e si sta facendo buio”. Reinterpretando i dati comunicati dalla macchina, l’autore del gioco ripropone una piccola esperienza in terza persona con al centro il tema dell’esplorazione spaziale. Da vivere tutto d’un fiato.

WIND UP

Un soulslike con un’estetica più infantile ma comunque disturbante, anche perché la morbidezza dei modelli li rende al contempo infantili, e cosa c’è di più pauroso di bambole e giocattoli che combattono fino alla morte? Un progetto che a tratti pare più una demo di ciò che verrà (come tante delle creazioni presenti su Dreams), ma che vale la pena visitare, anche solo per la peculiarità di alcune sue… boss fight.

HELLO WORLD! A SURREAL SHORT

Un’esperienza concettuale metanarrativa sul ruolo del giocatore, degli avatar e del designer, resa attraverso un’idea sicuramente già vista ma comunque efficace. E’ un prodotto particolare perché riesce a usare in modo iconico quella che è da subito diventata una delle icone del progetto, “l’omino blu” che fa da modello di base di tanti dei personaggi e dei racconti di Dreams. 10 minui che sorprendono e intrigano.

PHANTOM IN THE BLUE

Una deliziosa esperienza in terza persona, delicata e morbida sia nei tratti che nei ritmi. Un viaggio subacqueo ricco di banalità e semplicità, e forse proprio per questo capace di catturarmi e di farmi dimenticare di star giocando dentro Dreams. Viva le balene.

A LONG WAY HOME

Un horror\thriller in prima persona che si lascia vivere con grande piacere. Si affida a molte delle tradizioni più prevedibili e scontate del settore e del genere, ma ciò non significa che manchi di personalità: la storia narrata riesce a intrigare quanto basta, contando anche la durata decisamente esigua (10 minuti) dell’esperienza. Da provare.

ANCIENT TITANS

Un viaggio violento e solitario tra le rovine di antichi colossi e civiltà dimenticate. Un’atmosfera che cerca disperatamente, ovviamente senza riuscirci, di ricordare le opere di Ueda, ma che si fa voler bene per la cura evidente nel riproporre certi schemi ludici e certe tradizioni di alcuni generi chiaramente cari all’autore. Un’ora corposa in compagnia di una guerriera che non si arrende mai.

EGGBOT

Un puzzle\platformer sorprendentemente pulito e longevo rispetto a quanto si vede su Dreams (e quindi non poteva che finire tra i migliori giochi!), ricco di varietà estetiche e di diverse tipologie di sfide. Dal tempismo necessario nei salti fino alla risoluzione degli enigmi, chi cura (e continua ad aggiornare) Eggbot sta investendo molto tempo nella creazione di svariate modalità di gioco, rendendo il progetto sempre più interessante sin dalla pubblicazione del primo livello (oggi sono già tre). Tre ore di relax, curiosando nei panni di un uovo robotico un po’ troppo cresciuto. 

dreams migliori giochi

WATCHED

Siete osservati, o siete voi che osservate? Nei suoi limiti tecnici e nelle pessime gestioni della telecamera si nasconde qualcosa su cui vale la pena curiosare con regolarità, in attesa che diventi qualcosa di più.

No more articles