Un altro mondo. Un’altra epoca. Al tempo dei prodigi.

Gli anni ’80 sono stai anni incredibili per tanti ambiti artistici, in particolare il cinema. L’avvento di nuove tecnologie, trainate dall’uscita di Guerre Stellari nel 1977 aveva sancito l’inizio di una rivoluzione che ai giorni nostri si traduce nella moderna computer grafica, tanto potente da reggere in piedi interi film.
Tra i tanti visionari dell’epoca vi era anche Jim Henson, un burattinaio che, mentre Lucas scriveva la storia del cinema, aveva scritto la storia della televisione con due programmi televisivi fondamentali della cultura pop americana: Sesame Street e I Muppets. Nel mondo del cinema è sicuramente ricordato dal grande pubblico come il regista di Labirynth, film culto del 1986 con David Bowie ma la sua opera prima fu The Dark Crystal, film del 1982 che viene considerato una delle opere di maggior successo sul piano tecnologico e che portò l’arte del burattinaio all’apice delle sue possibilità, creando pupazzi tuttora incredibili ed introducendo nella settima arte i primi animatronics che avrebbero fatto la fortuna di Hollywood prima della radicalizzazione della CGI, oltre ad essere un elemento importante del suo film successivo.

Il film è infatti privo di presenza umana (burattinai esclusi) ed è interamente realizzato da burattini sofisticati, senza cavi o sotterfugi, solo maestria umana e, in occasione della nuova serie che Netflix sta producendo sul mondo creato da Henson, abbiamo avuto modo di mettere le mani sull’edizione Blu Ray in 4K di The Dark Crystal, realizzata in modo eccellente sotto tutti i punti di vista e che vi racconteremo in questo articolo.

Il pianeta Thra vive da quasi mille anni in bilico tra bene e male: a seguito della rottura del cristallo, due razze sono apparse nel mondo. Gli Skeksis, esseri rettiliani, dominano il mondo con malvagità avvalendosi dei poteri del Cristallo Nero, mentre i saggi Mistici si nascondono per vivere la loro vita in pace. Una profezia tuttavia narra che un prescelto avrebbe curato il cristallo, permettendo al mondo di rinascere quando i tre soli si sarebbero allineati nella Grande Congiunzione. Qui parte l’avventura di Jen, ultimo dei Gelfling e prescelto dell’Era per ristabilire l’ordine delle cose.

Scheda Tecnica:

Dischi: 2

Durata: 93 minuti ca. (Film); 224 minuti ca. (Contenuti speciali)

Video: 4K UHD 2.39:1, 3840x2160p (4K); 1080p HD 2.39:1, 1920×1080 (HD)

Audio: 5.1 Dolby Digital italiano, ceco, francese, giapponese polacco, portoghese, spagnolo, tedesco, ungherese; Dolby Atmos TrueHD 7.1 inglese (4K)

5.1 DTS HD Master Audio italiano; 5.1 Dolby Digital tedesco (HD)

Sottotitoli: italiano, inglese, inglese non udenti, ceco, cinese semplificato, cinese tradizionale, coreano, danese, ebraico, finlandese, francese, giapponese, greco, islandese, norvegese olandese, polacco, portoghese, slovacco, sloveno, spagnolo, svedese, thailandese, tedesco, turco, ungherese (4K)

Italiano, inglese, inglese non udenti, danese, finlandese, norvegese, svedese, tedesco, turco (HD)

Contenuti speciali sottotitolati in italiano, inglese e tedesco con audio in inglese e in formato standard e HD

Il Disco

Questa edizione 4K è presentata all’interno di una steelbook rifinita con tutti i crismi e che presenta sul fronte l’artwork dedicato al poster del film, mentre sul retro troviamo un’altra splendida illustrazione a tema. All’esterno troviamo inoltre un foglio illustrativo del contenuto dei due dischi, che trovano spazio all’interno del cofanetto di metallo.

Senza perdere tempo ci godiamo subito la visione del film in 4K e il risultato finale è sicuramente molto buono: la risoluzione ha permesso infatti un restauro eccellente di gran parte del film, con alcune scene che tuttavia non hanno perso la granulosità tipica delle pellicole dell’epoca, in particolare quelle che vedono l’utilizzo di effetti speciali. La visione è però ottima e, grazie all’HDR, è possibile godere di una palette di colori molto più realistica e ben più definita rispetto alla versione in Full HD, che vi consigliamo di vedere nel caso vogliate fare delle comparazioni squisitamente tecniche, fermo restando che questa versione resta comunque di buona qualità nonostante l’aspetto leggermente più vintage.

Audio

Per quanto concerne i nostri apparati auditivi, spesso bistrattati quando si tratta di tracce audio, possiamo tirare un sospiro di sollievo: la versione 4K del film presenta infatti la traccia audio in Dolby Digital 5.1 in ben nove lingue tra cui l’italiano, permettendo di godere di un’esperienza uditiva tanto buona quanto quella visiva. Se poi volete godervi il film in lingua originale, non potrete che essere felici come una pasqua vista la presenza della traccia audio inglese in Dolby Atmos, da prediligere senza dubbio alcuno se siete in possesso di impianti audio predisposti.

Chi si godrà il film a 1080p casca comunque sul morbido: sia la traccia inglese che quella italiana sono infatti in 5.1 DTS-HD Master Audio, paradossalmente di livello superiore rispetto alla traccia nostrana del 4K, quindi il coinvolgimento uditivo sarà altrettanto soddisfacente.

Extra

Se avete buttato un occhio sulla scheda tecnica, avrete sicuramente notato la quantità di contenuti speciali all’interno di questa edizione: parliamo di quasi quattro ore di extra dedicati al film e che spaziano dai classici trailer di rito alle scene eliminare, fino al commento audio del film da parte di Brian Froud, illustratore inglese che ha lavorato come conceptual designer sia su The Dark Crystal che su Labirinth, ma anche accompagnato dallo storyboard integrale del film presentato in Picture-In-Picture. Seguono poi numerosi speciali, a partire da quelli realizzati all’epoca come The World of The Dark Crystal e Reflections of The Dark Crystal, oltre un’ora e mezza di riprese effettuate nel backstage del film e che esplorano tutto ciò che concerne la lore del film, fino al breve ma intenso The Myth, Magic and Henson Legacy, dove la figlia di Jim Henson e il figlio di Brian Froud parlano della realizzazione del film e dell’impatto che ha avuto nella storia del cinema.

Chiudono lo storyboard consultabile liberamente, un’ampia galleria fotografica ed un curioso speciale dedicato alla lingua degli Skeksis, i cattivi del film, realizzato con lo sceneggiatore del film David Odell.

Verdetto

L’edizione Blu Ray 4K di The Dark Crystal è indubbiamente un acquisto obbligato per ogni cinefilo che si rispetti: il restauro del film è eccellente e anche sotto il profilo audio la qualità è altissima e farà la gioia dei possessori di impianti di ultima generazione, ma senza scontentare setup più economici. I contenuti extra, inoltre, sapranno accontentare qualunque curiosità legata al film, tra speciali video d’epoca e moderni, commenti audio e tantissimi contenuti legati alla preproduzione del film. Un investimento doveroso per un cult che merita almeno una visione.

Pur essendo del 1988, Francesco non ha ricordi della sua vita prima del ’94, anno in cui gli regalarono un NES: da quel giorno i videogiochi sono stati quasi la sua linfa vitale e, crescendo con loro, li vede come il fratello maggiore che non ha mai avuto. Quando non gioca suona il basso elettrico oppure sbraita nel traffico di Roma. Occasionalmente svolge anche quello che le persone a lui non affini chiamano “un lavoro vero”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui