Non siamo forti soltanto nello sport. Nel giorno in cui Fabio Aru vince la Vuelta di Spagna, e Flavia Pennetta si aggiudica la finale tutta italiana dell’US Open, il mondo del Cinema italiano reclama il suo spazio grazie alla straordinaria performance di Valeria Golino, che stringe tra le braccia la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile, nel film Per amor vostro di Gaudino.

per_amor_vostro_set
Se poi rimangono a secco le altre tre pellicole italiane in concorso, formate dal tridente di tutto rispetto Bellocchio, Guadagnino e Messina, suscita invece emozioni indescrivibili ed applausi scroscianti in sala il film postumo di Caligari, Non essere cattivo, una sorta di omaggio al grande regista prematuramente scomparso, nel quale è egli stesso a celebrare il suo capolavoro Amore tossico, con citazioni e inquadrature dal profondo ed evidente richiamo all’opera cult degli anni ’80.

non-essere-cattivo-al-cinema-e-venezia-72

Uscendo dai confini nostrani, stringiamo virtualmente le mani al vero vincitore della manifestazione, ovvero il film Desde Allà dell’esordiente regista venezuelano Lorenzo Vigas, che ha il merito di lanciarsi in un’opera intensa e delicata.
Sempre in tema di argomenti tutt’altro che frivoli, sembra guadagnarsi il suo premio per la miglior regia anche Pablo Trapero, con il suo El Clan, che racconta la disumanità di un mondo, quello dei clan criminali argentini, nella realtà di un paese sotto scacco di una feroce dittatura, ma lo fa mantenendo delle tinte irriverenti e mai banali.

el_clan_francella_guillermo

Ora però nei nostri amati confini ci rientriamo immediatamente, perché siamo una nazione che si esalta con facilità grazie ad uno spirito patriottico che fuoriesce quasi esclusivamente quando vinciamo, ma non possiamo farcene una colpa.
Anzi, pur consapevoli delle carenze e delle difficoltà che il cinema del belpaese sta attraversando, ci sentiamo in obbligo di essere inorgogliti del trionfo della Golino.
E probabilmente è giusto così, perché la Pennetta del grande schermo oggi si chiama Valeria Golino, ed anche grazie a lei ci sentiamo tutti molto più italiani di qualche giorno fa.

No more articles