Abbiamo fatto 30…

Red Dead Redemption II sta facendo parlare di sé. Ovvio. Col senno di poi, o meglio, con una certa lucidità, stiamo tutti parlando di fuffa. Il gioco è stato rimandato, come saprete, e la data di uscita non è neanche più una certezza. Con una coppia di trailer e qualche screen ad accompagnarci sul periglioso cammino dell’hype, fantasticare è effettivamente tutto ciò che ci resta. Persi tra questa e quella congettura, nella speranza che il gioco non slitti di nuovo e che, finalmente, tra meno di un anno si possa tornare a compiere scorribande nel selvaggio west. E dunque, mettendo l’amarezza da parte, assieme alle fantasie non ci resta che ricordare quei volti, ormai leggendari, che ci accompagnarono lungo il cammino tracciato da John Marston. Personaggi che in qualche modo si sono confermati, nello stile di Rockstar, nell’immaginario collettivo. Certo non tutti avranno avuto l’impatto di gente come Tommy Vercetti, fatto sta che i personaggi di RDR erano, e sono, alcuni mirabili esempi di scrittura e fascino e dunque, nel nostro immenso (e infame) divagare, ci siamo chiesti quali, tra questi, vorremmo vedere nel prossimo RDR2. Voi, ovviamente, suggeriteci i vostri!

Javier Escuella

Con il ritorno confermato di Dutch, abbiamo cominciato a pensare ai membri della gang van Der Linde, ed alla possibilità che questi effettivamente tornino in scena, accompagnando magari le scorribande di Arthur, il nuovo protagonista. In coda alla classifica piazziamo quindi un personaggio che, come detto in un precedente articolo, sembrerebbe essere al di fuori dei pensieri di Rockstar, o almeno è questo quello che abbiamo pensato guardando il nuovo trailer. Nessuno dei personaggi, infatti,ci è sembrato anche solo lontanamente simile a Javier Escuella, il messicano della banda, agghindato come da tradizione dal tipico sombrero. Nelle riprese di gruppo, o anche solo nei vari scorci, non abbiamo visto traccia di Javier, e ci siamo chiesti se effettivamente la banda di Dutch sarà composta così come la ricordavamo noi, o se magari alcuni membri non si fossero succeduti ad altri. Come sia sia, la nostra curiosità verso Javier è data prettamente dalla pochezza di informazioni che lo riguardano. Mentre l’infame Bill Williamson viene ampiamente descritto dagli eventi del primo atto del gioco, di Javier capiamo solo che è un codardo dalla lingua biforcuta. Ritrovarlo sarebbe pertanto un’occasione per approfondire un personaggio che, ad oggi, è poco più di uno stereotipo, tra i tanti, del mito del West.

Seth Briars

Sboccato, pazzo, presumibilmente necrofilo, il tombarolo Seth Briars è protagonista di buona parte delle missioni del primo RDR. Lo incontriamo assieme a John quando, su consiglio di Nigel West, gli offriremo il nostro aiuto per il reperimento di un enorme tesoro sepolto. Seth è folle, schizofrenico, ed è protagonista di alcuni teatrini veramente memorabili. Di lui sappiamo che la sua passione per l’oro lo ha condotto alla follia, tanto da aver abbandonato moglie e figli. Data la natura prequel di RDR2, sarebbe veramente simpatico ritrovare Seth nella sua versione “sana”, magari nei primi giorni della sua ricerca di tesori e vene aurifere varie, e prima che abbandoni capra e cavoli per dedicarsi al vagabondaggio. Del resto è plausibile che egli sia una presenza locale abbastanza nota o, quanto meno, radicata, delle città del primo RDR che, stando ai leak, potremmo avere occasione di visitare.

Abigail Marston

Non sappiamo granché di Abigail, specie perché nel gioco originale possiamo incontrarla solo nelle ultimissime battute. Sappiamo che è amica di John da quando i due si incontrarono in orfanotrofio, e che da lì fuggirono insieme per unirsi alla banda di Dutch. In essa crebbero, impararono a leggere, a rubare, ed infine si innamorano, per poi sposarsi lasciando la banda. Visto il contesto narrativo di questo sequel, è molto plausibile dunque che Abigail faccia la sua comparsa, ovviamente in una versione molto più giovane rispetto a quanto visto nel titolo precedente. Visto il carattere forte della donna, sarebbe veramente piacevole scoprire qualcosa di più sul personaggio, oltre ovviamente a poterla accompagnare nel corso di qualche scorribanda. C’è anche la concreta possibilità che, con il sistema che regola la gestione della banda di cui abbiamo già parlato, Abigail sia un personaggio giocabile, il che la renderebbe, a ben pensarci, la prima protagonista giocabile di un titolo Rockstar. Più plausibilmente, tuttavia, la incontreremo sì nel gioco, ma non nei momenti in cui sarà un membro effettivo della gang, il che, ripensando alla figura femminile del trailer, ci fa presupporre che il primato di “prima donna giocabile in un titolo Rockstar” spetterà alla misteriosa donna bionda. Parimenti cazzuta peraltro.

Landon Rickett

Se avete giocato il primo RDR non potete non esservi innamorati di Landon Rickett, first of all per la sua eccezionale somiglianza a Lee Van Cleef (a cui, per inciso, dobbiamo anche il personaggio di Revoler Ocelot e dunque, se non sapete chi sia, per favore lasciate questo articolo e, possibilmente, il pianeta). Rickett è un tostissimo veterano del selvaggio west, tanto da essere divenuto una leggenda locale. Nel primo titolo è colui con il quale ci alleiamo per la liberazione del Messico, patteggiando quest’ultimo per i ribelli locali. Di Landon sappiamo molto poco, se non che sia stato una sorta di eroe conosciuto in ogni dove, una leggenda, e soprattutto un pistolero eccezionale. Con il gioco ambientato anche solo vagamente nelle stesse zone (la presenza del New Austin ci pare quanto mai scontata), la presenza di Landon sarebbe quanto meno auspicabile. È implausibile che Landon abbia fatto parte della banda di Dutch, ovviamente, ma non è implausibile che con questa si sia scontrata, specie nel momento in cui in essa non militava John Marston visto che, stando allo stesso personaggio, i due non si erano mai né visti, né conosciuti prima degli eventi di RDR. Al di là di questo, vederlo giovane e cazzuto nelle vesti di “vigilante” o di pistolero solitario sarebbe pure epicness.

John Marston

Ovviamente non si può pensare a Red Dead Redemption senza pensare a John. Di per sé parliamo di uno dei più bei personaggi tinteggiati da Rockstar, e di un’autentica icona del videogame. Nella sua umanità, nella sua semplicità, Marston si è ritagliato una cospicua fetta di fan tra gli appassionati di videogame, e le sue tristi sorti all’interno del primo capitolo del gioco hanno colpito, finanche ferito, moltissimi giocatori. Con l’arrivo di RDR2 nella sua forma di prequel, la possibilità che John ritorni in campo è ovviamente altissima. La sua presenza in questa lista, pertanto, è così scontata che forse avremmo dovuto addirittura ometterlo. Eppure, per come lavora Rockstar, è ovvio che non avremo certezza fintanto che uno dei personaggi non ci si presenterà col suo nome anche se, a ben pensare alle congetture degli ultimi giorni, parrebbe più che certa la sua presenza persino all’interno dell’ultimo trailer rilasciato. Il nostro pensiero in merito ve lo abbiamo detto altrove, per il resto, è ovvio che scoprire di più sulla sua giovinezza, ma soprattutto dei suoi anni da fuorilegge sarebbe, di per sé, bellissimo. Immaginate, poi, se gli si dedicasse un pezzetto di trama o, magari un DLC narrativo. Pazzesco.

Red Harlow

Ok, siamo nella pura fantascienza, ma a ben pensarci non è poi neanche tanto implausibile. Ambientato nel 1876, Red Dead Revolver si configura come “una storia” all’interno del mondo di RDR, tanto che nel gioco originale ci sono diverse citazioni rispetto agli eventi del suo protagonista, Red Harlow. Vista la plausibile sovrapposizione temporale, sarebbe dunque possibile (e fighissimo) che una versione di Red Harlow, ovviamente in là con gli anni, prenda parte agli eventi del gioco. Non che ci si aspetti chissà cosa, ma dopo oltre 13 anni sarebbe bello rivedere Red e potervi interagire in qualche forma. Diciamocelo: non sarebbe perfetto come pistolero solitario o magari come sceriffo di chissà quale sperduto (e pacifico) paesino di frontiera?

 

No more articles