Atto finale

Siamo arrivati alla fine di questa seconda Civil War Marvel, dopo aver riepilogato e commentato gli eventi di ogni episodio, non ve lo nascondiamo (non l’abbiamo mai fatto), con tanta amarezza di fronte a un maxi-evento crossover che tanto poteva essere e invece altrettanto ha deluso. Gli eventi di Civil War II non sono mai apparsi “decisivi” come avrebbero dovuto, lasciandoci fin troppo spettatori davanti a tanta narrazione verbale e poca, confusa e immotivata azione. Quest’ultimo episodio, ovviamente, si sottrae a questo giudizio, essendo la mera conclusione di quanto preparato in precedenza, ma conferma il poco coraggio dimostrato lungo tutta l’avventura. Da qui in avanti, qualche grosso SPOILER, quindi se non avete ancora letto l’ultimo numero, prima fatelo, poi tornate qui a leggere.

civil war II 8

Cap. Marvel e Iron Man sono arrivati, tra un pretesto banale e un altro ancora di più, al furioso apice del loro litigio, apice giunta al quale l’eroina di cui sopra perde completamente le staffe e “crepa di mazzate” un Tony Stark leggermente più sulla difensiva, forse perché con la coscienza a posto (sebbene abbia scatenato frettolosamente l’ultima lotta, quando ormai Carol Danvers si era ravveduta). L’esito della battaglia, con annessa e a lungo pregustata morte di un eroe, volge prevedibilmente a favore del supereroe “cattivo”, e quindi assistiamo alla caduta di Iron Man. Come al solito in queste occasioni, e Romeo e Giulietta insegnano, solo la morte può rappacificare animi impegnati da diatribe di principio e escalation di violenza. La guerra civile degli eroi si quieta. Peccato che Tony Stark non sia affatto morto e si trovi in un ambiguo stato di coma, grazie a dei misteriosi esperimenti che aveva condotto su se stesso (anche qui spaziamo nel convenientemente nebuloso). Le parole di Bestia a Carol sono all’incirca le seguenti: “Tony ti ha evitato di essere quella che ha ucciso Iron Man”. E noi dovremmo essere contenti? Persino questa conseguenza sarebbe stata troppo drammatica per una serie che ha visto già due morti teoricamente rilevanti (War Machine, Hulk) susseguirsi in sordina, con la conseguenza che il lettore o non ci crede, o non se ne cura affatto?

Ma passiamo pure all’altra faccia di questa “epica” conclusione: le visioni di Ulysses. Come ormai dovreste sapere tutti a menadito, Ulysses è un nuovo inumano in grado di percepire-dedurre dalle variabili della realtà attorno a lui dei possibili o probabili futuri. Le sue visioni sono quelle che hanno scatenato e fatto degenerare la guerra civile dei supereroi, divisi tra chi credeva legittimo agire contro una minaccia quand’anche non ancora verificatasi (per esempio: arrestare Hulk prima che possa scatenarsi, perché Ulysses ha visto un futuro in cui lo fa) e chi invece era contrario alla “profilazione” di eventi o nemici futuri. Tornando a Ulysses, nessuno a parte un Tony Stark preso per pazzo si è dato la briga di esaminare a dovere i suoi poteri, e quest’ultimi si sono evoluti, potenziandosi, fino a che il ragazzo non è diventato un’entità cosmica dell’Universo Marvel, praticamente invitato di persona da Eternità. Ora, soprassedendo completamente su quanto anche questo risvolto puzzi di deus ex machina lontano un miglio, concentriamoci sulle ultime 7 visioni del futuro che l’Inumano ha mostrato agli altri eroi prima di andarsene per la sua strada, dato che ognuna di esse preannuncia un evento crossover in arrivo.

Monsters Unleashed

civil war II 8

La prima visione, disegnata da Adam Kubert (ogni visione è firmata da un artista diverso), raffigura una battaglia di mostri giganti, divisi in due schieramenti. Possiamo assumere che lo schieramento di destra sia quello dei “buoni”, dato che include Devil Dinosaur, e nonostante includa anche Fin Fang Foom. Lo scontro, comunque, si riferisce sicuramente al prossimo evento Monsters Unleashed, che vede la Terra invasa da mostri giganti e difesa da… beh, altri mostri giganti.

Inhumans vs X-men

civil war II 8

La seconda visione, disegnata da Leinil Francis Yu, ritrae gli X-men praticamente al completo (quindi includendo ogni formazione: i Nuovissimi X-men, gli Straordinari X-men, e la squadra di Magneto) attaccare New Attilan. Non è pertanto difficile indovinare l’evento di riferimento suggerito da questa previsione del futuro: si tratta di Inhumans vs X-men, che vede le due fazioni affrontarsi in quella che potrebbe essere la battaglia per il posto di “tizi con superpoteri” più importanti dell’Universo Marvel.

Secret Empire

civil war II 8

La terza visione, dalla matita di Daniel Acuna, è di nuovo quella di Miles Morales e un apparentemente defunto Steve Rogers sulla scalinata del Campidoglio. Abbiamo già assistito a questa visione in Civil War II ed è abbastanza ridondante assistervi di nuovo, ma quando in Marvel si fanno pubblicità da soli non scherzano mica. Il riferimento, ad ogni modo, è alla prossima saga Secret Empire, che vedrà presumibilmente scoprirsi e svilupparsi il piano dell’Hydra di attaccare le forze del bene, forte di un Capitan America segretamente dalla loro parte. Per chi si fosse risvegliato dal ghiaccio polare solo ora, ricordiamo che Steve Rogers ha riavuto i suoi poteri di super-soldato grazie al cubo cosmico (personificato in Kobik), che tuttavia era manovrato dall’Hydra. Perciò, oltre alla realtà, anche il passato e la lealtà di Capitan America sono state riscritte, e ora l’eroe è un agente sotto copertura dell’organizzazione del serpente a più teste.

Killraven

civil war II 8

La quarta visione, disegnata da Alan Davis, ritrae una scena dal futuro alternativo di Killraven. In una Terra invasa (nuovamente) e conquistata dai Marziani, il genere umano è schiavizzato, costretto a riprodursi per garantire una fonte di cibo e combattere in arene gladiatorie per offrire intrattenimento. Killraven altri non è che un gladiatore scappato, determinato a combattere i Marziani e riconquistare la Terra. L’eroe è stato protagonista di una serie recentemente ristampata ne I Grandi Tesori Marvel, e doveva riapparire qualche anno fa con una nuova storia, ma non se n’è fatto niente. Questa visione è forse l’indizio che stavolta Killraven tornerà davvero?

Giorni di un Futuro Passato

civil war II 8

Nel disegno di Marco Rudy, la quinta visione rappresenta una storia celeberrima dell’Universo Marvel, peraltro già raccontata anche nell’omonimo film ispiratole: Giorni di un Futuro Passato. Vediamo il faccione di una sentinella piegato verso una pila di cadaveri mutanti, trapassato dall’intangibile Kitty Pryde, i cui poteri mandano in corto le Sentinelle e ogni altro circuito elettronico. Magari è solo la visione di un futuro alternativo che conosciamo già, oppure… che sia un monito? Dobbiamo aspettarci un’altra versione di questa storia, in futuro?

Age of Ultron

civil war II 8

Altra visione, altra storia Marvel già raccontata, prima con la serie a fumetti e poi con il film (che in comune con la prima, però, aveva solo titolo e villain). Stiamo parlando di Age of Ultron, il futuro alternativo nel quale Ultron ha sottomesso l’Umanità e sconfitto tutti i supereroi. Anche qui, il dubbio è più che lecito: questa storia tornerà, o Ulysses vede tutti i futuri, compresi quelli già conosciuti? I disegni, a questo giro, sono di Mark Bagley.

Thor vs Loki

http://www.staynerd.com/?s=civil+war+ii

Settima e ultima visione, prima dell’ascesa a entità mistica di Ulysses, e stavolta protagonisti sono Thor e Loki, impegnati in quello che si preannuncia uno scontro mortale. Più difficile qui tentare di prevedere una saga di riferimento, dato il numero inferiore di dettagli, ma possiamo comunque notare che si tratta del Thor attualmente Indegno, con il braccio metallico, che impugna nuovamente Mjolnir, e che Loki invece brandisce la spada nera di Gorr, in grado di macellare divinità come fossero fili d’erba. Potrebbe trattarsi di un momento molto futuro della lotta fraterna per Asgard, o di una storia in arrivo dal sempre prolifico sceneggiatore “asgardiano” Jason Aaron. Ma, come sopra, è difficile da dire. Meno difficile apprezzare il disegno di Esad Ribic.

No more articles