La strana coppia

L’uscita della neonata console Nintendo Switch ha suscitato non poche polemiche a causa della carente offerta di grandi titoli dalla sua uscita. Ebbene, ci ha pensato Ubisoft, proprio all’inizio della sua conferenza all’E3 2017, a far tacere i più scettici. In collaborazione con Nintendo, Ubisoft ha deciso di sviluppare un titolo al di fuori di ogni canone visto finora. Mario + Rabbids è la fusione perfetta tra il personaggio più amato dai nintendari e quei piccoli, folli e irriverenti esserini chiamati Rabbids. Il gioco infatti unisce l’epicità delle avventure di Mario e dei suoi personaggi di supporto, Luigi, la Principessa Peach, Yoshi e Donkey Kong, alla comicità e alla follia delle versioni Rabbids di… beh, Mario, Luigi, Peach, Yoshi e Donkey Kong.

La fusione dei due mondi è dovuta a una trama di certo un tantino prevedibile, ma comunque non banale: Mario e i Rabbids uniscono le forze per cercare di ripristinare il Regno dei Funghi che è stato distrutto da un vortice misterioso. Dal trailer di lancio presentato proprio durante la conferenza di Ubisoft, si evince immediatamente quanto questo nuovo titolo sia diverso da tutti gli altri che hanno visto protagonisti Mario o i Rabbids. La novità più eclatante fonda le sue radici sul fatto di essere uno strategico a turni in cui ogni giocatore formerà una squadra di tre personaggi (completamente personalizzabili), sfruttandone le abilità per creare un team equilibrato in grado di sconfiggere i nemici. Non stiamo parlando però del tipico strategico a turni che tutti conosciamo, Mario + Rabbids infatti offre anche una componente di gameplay diversa dagli standard: ogni personaggio infatti potrà eseguire un determinato numero di combo sfruttando i propri alleati e le armi a loro disposizione.

Mario + Rabbids Kingdom Battle, oltre ad avere un impatto di gioco diretto e decisamente fuori dal comune, offre una miriade di possibilità e combinazioni di gioco dovute in gran parte alla possibilità di sfruttare al massimo il terreno di gioco che, oltre a essere dotato delle più disparate coperture, offre passaggi segreti, tubature e scorciatoie. E per quanto riguarda le armi, neanche a dirlo, Ubisoft e Nintendo non si sono risparmiate e hanno creato un arsenale tra i più ricchi mai visti che comprende centinaia di bocche da fuoco ognuna con una caratteristica unica e tutte diverse tra loro. Inutile ripetere che un titolo così accattivante, tanto carico di novità e possibilità, non sarebbe mai potuto esistere senza questa fantastica collaborazione tra due sviluppatori iconici come la grande N e la grande U, che hanno reso possibile “l’improbabile”.

Un’anima italiana

Noi lo sappiamo bene, e lo ricordiamo continuamente a tutti, il baffuto idraulico in salopette di nome Mario è italiano, il suo celebre “Mamma mia!” non è di certo giapponese. Ma ciò che inorgoglisce ancora di più i nostri cuori a forma di stivale, stavolta, è il fatto che l’ideatore di questo nuovo titolo sia anch’egli al 100% italiano. Parliamo di Davide Soliani: l’idea iniziale di Mario + Rabbids fu proprio sua, che lavora per Ubisoft Milan e da appassionato Nintendo ha potuto realizzare il suo sogno di sviluppare un gioco per e con loro e inoltre, durante questo E3 2017, si è visto ringraziare in diretta mondiale da Miyamoto in persona. Mario + Rabbids è stato poi sviluppato da Ubisoft Milan con la divisione centrale francese della stessa casa, in stretta collaborazione con Nintendo. Insomma, Mario non è l’unico pezzo di Italia nel gioco, e neanche il più decisivo, per una volta.

Una promessa dal grande cuore

Mario + Rabbids Kingdom Battle si piazza quindi tra i titoli più interessanti presentati in questo E3 2017, ma non solo per il suo gameplay ibrido, che sprizza originalità da tutti i pori, anche per tutto quel contorno di “stile” che parte dalla colonna sonora fino all’impatto visivo, per non parlare della grafica, fluida e pulita. La curiosità di giocatori Nintendo e non sale, ma sarà abbastanza per giustificare, nei più scettici, l’acquisto di Nintendo Switch? Non lo sappiamo, ma intanto per questo titolo tanto vale essere ottimisti, vista l’ottima presentazione.

Il gioco verrà rilasciato il prossimo 29 agosto (Ubisoft e Nintendo forniscono le date di uscita dei propri giochi, per fortuna) in due versioni: Standard e Collector. La prima consiste nella normale versione del gioco, la seconda invece include una statuetta di Rabbids Mario creata da Ubicollectibles, la colonna sonora originale su CD e delle carte da collezione. Pre-ordinando il gioco si potrà anche ottenere un set di otto armi esclusive all’interno del gioco. Con le aspettative amplificate di conseguenza, per i collezionisti, speriamo che questo gioco sia un deciso passo in avanti per rendere la neonata console Nintendo più frizzante e seducente verso la fetta più ampia di pubblico che potrebbe conquistarsi (e meritarsi?) nel prossimo futuro.

No more articles