Futurama sbarca su Amazon Prime Video

Matt Groening continua a invadare i servizi di streaming: dopo Disincanto su Netflix e I Simpson su Disney, tocca a Futurama con Amazon Prime Video.

La notizia arriva direttamente a un comunicato diffuso da Amazon a mezzo stampa. Rivedremo così le disavventure di Fry, ragazzo del Secolo XX, intrappolato in una macchina per l’ibernazione e risvegliatosi nel 2999, l’ultimo giorno del millennio.

disney+ futurama amazon prime video

Nato da un desiderio di Groening di dedicarsi alla fantascienza, Futurama nacque nell’ormai lontano 1999 dal sodalizio con David X. Cohen. Le avventure di Fry e della “ciurmaglia” della Planet Express andarono in onda a partire dal 28 Marzo del 1999.

La capacità di immaginare un futuro distante, in cui lo spettatore poteva comunque trovare elementi del nostro mondo e provare familiarità nei suoi confronti, uniti con la possibilità di sfruttare oltre mille anni di storia per creare un arazzo satirico della società americana e mondiale, permisero alla show di ottenere un enorme successo di pubblico e di critica. Futurama costituisce per tutti gli spettatori la possibilità di guardare in un futuro certo paradossale, ma di cui è possibile vedere i semi nella realtà quotidiana che circonda gli spettatori. Un modo di fare fantascienza che, pur riprendendone tutti gli archetipi, riesce comunque a mostrarsi innovativo e fresco come non mai.

futurama amazon prime

La satira tagliente del programma non andò sempre a genio ai piani alti della Fox, che cancellò lo show dopo appena quattro stagioni. Tuttavia, di fronte all’immenso successo delle vendite home video, la decisione fu sospesa, consentendo la realizzazione di quattro lungometraggi. Nel frattempo Groening riuscirà comunque a trovare una nuova casa a Futurama, consentendo alla Planet Express di sbarcare su Comedy Central per avere una propria degna conclusione.

Adesso tutti gli episodi arrivano su Amazon Prime Video e Futurama potrà godere di una nuova giovinezza. Cosa ne pensate? Ditecelo con un commento!

No more articles