Jared Leto è pazzo. Chi lo segue da un po’ ha già avuto modo di imparare a conoscerlo, ma insomma oggi ci offre un’altra occasione per affermare con ancora più convinzione quanto l’attore sia fuori di testa.

Pare che il buon Jared sia stato colpito da quella che a noi piace chiamare “la Sindrome di Jack Sparrow“, quella che ha già colpito Johnny Depp, costringendolo a rimanere nei panni del pirata SEMPRE, anche a casa o in qualunque altro film abbia interpretato dopo Pirati dei Caraibi.
Gravi sintomi della sindrome li sta mostrando anche Robert Downey Jr. che ormai è sempre più Iron Man, nelle interviste, negli eventi a cui partecipa, sta lentamente sparendo l’attore per far posto al supereroe.Adesso è il turno di Leto, in una forma ancora più grave, se consideriamo che sembra già prigioniero del ruolo di Joker e il suo Suicide Squad non sia neanche ancora uscito.

In un’intervista ad E Online infatti, Adam Beach (Slipknot nella pellicola) ha dichiarato che il buon Jared, che al momento si trova lontano dal set, per far sentire la sua vicinanza ai colleghi, abbia spedito una serie di doni, diciamo così, bizzarri.
A Margot Robbie (Harley Quinn) ha spedito una tenera lettera d’amore corredata da una scatolina nera contenente…un topo. Vivo.Mentre a Will Smith sono toccati dei proiettili, un cinghiale (!) e un video in cui interpreta, appunto, il Joker.

Voi che ne pensate? Riuscirà mai il nostro eroe ad uscire dal personaggio e tornare sè stesso?
O forse non tutti i mali vengono per nuocere, e quindi se restasse intrappolato nel Joker perlomeno non sentiremo più parlare dei 30 seconds to Mars?
Ma soprattutto, quanto vi piacerebbe ricevere un bel regalino dal buon Jared?

 

No more articles