Lutto nel mondo della musica: addio a Koichi Sugiyama, aveva composto la colonna sonora di Dragon Quest

Il mondo della musica e quello dei videogiochi hanno perso uno dei propri volti più amati, quello di Koichi Sugiyama, creatore delle colonne sonore di Dragon Quest. Il celebre musicista è scomparso nella giornata del 30 Settembre nella sua città natale, Tokyo. Aveva novanta anni.

Quella di Sugiyama è la storia di un genio precoce. Ancora adolescente iniziò a comporre i primi piccoli (brevi) componimenti musicali. Dopo essersi diplomato e laureato nel 1958 all’università di Tokyo iniziò a lavorare per la Nippon Cultural Broadcasting. Da allora prestò il suo talento e la sua passione alla creazione di musiche per gli anime, tra cui alcune produzioni divenute iconiche, come 009 Cyborg e il film di Gatchaman.

In seguito approdò anche al cinema. Era il 1971 quando partecipò alla composizione della colonna sonora di Godzilla vs. Hedorah.

koichi sugiyama dragon quest

Gli anni Ottanta di Koichi Sugiyama, l’incontro con i videogiochi e Dragon Quest

Con gli anni Ottanta e la diffusione del mercato dei videogiochi sul suolo giapponese, Sugiyama iniziò a comporre anche per questo settore. La sua prima opera fu per World Golf, nel 1985. Da allora furono numerose le sue partecipazioni ai videogiochi del Sol Levante, facendone una colonna portante e uno dei volti più amati del mercato videoludico. Ma sarà nel 1986 che incontrerà il franchise che ne immortalerà il nome: Dragon Quest.

Per questa serie comporrà musiche fino agli ultimi anni, cosa che gli garantirà l’ingresso nel Guinnes dei primati come “compositore di videogiochi più anziano”. Un successo che renderà il suo nome caro ai fan della saga videoludica e non solo. Nel 1991 sarà proprio Koichi Sugiyama a comporre la colonna sonora dell’anime di Dragon Quest: Dai, noto in Italia col nome “I Cavalieri del Drago”.

Una carriera straordinaria, che si è ora spenta per sempre, lasciando un profondo vuoto nei fan della saga. A loro non resta che aggrapparsi, ancora una volta, a quelle note che hanno accompagnato tante ore di gioco.

(fonte)

Genovese, classe 1988. Laureato in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie, Federico dedica la maggior parte del suo tempo a leggere cose che vanno dal fantastico estremo all'intellettuale frustrato. Autore di quattro romanzi scritti mentre cercava di diventare docente di storia, al momento è il primo nella lista di quelli da mettere al muro quando arriverà la rivoluzione letteraria e il fantasy verrà (giustamente) bandito.