Paperi mascherati, alieni e intelligenze artificiali

Potere e Potenza!… Poche ragazze da quelle parti!…Coolflames!… Criceti!… Carzellodi ‘ncappucciati!… Bertoni!… Tranquilli, non siamo affatto impazziti. Quelli che avete appena letto sono i tormentonti più gettonati che hanno popolato per anni le pagine di un certo giornalino. Quale? Come sarebbe quale?! Stiamo parlando di PKNA (Paperinik New Adventures), storica testata Disney degli anni ’90!

“Quando il gioco si fa duro… Io vorrei essere da un’altra parte!”

Ambientata in una Paperopoli oscura, tecnologica e futuristica, la serie aveva per protagonista Paperinik, l’alter ego mascherato di Paperino. Ma non era il solito diabolico vendicatore armato di Car-Can e stivaletti a molla: Pikappa (questo il suo nuovo nome) era un supereroe a tutti gli effetti, con superarmi, superamici e supernemici. Il fumetto è diventato un vero e proprio cult generazionale, uno tsunami che ha fatto da precursore a tante, tantissime testate del duemila (W.I.T.C.H, MMMM, X-Mickey…) e che ha reso grandi alcuni autori alle prime armi ormai riconosciuti e apprezzati in tutto il paese (Francesco Artibani, Claudio Sciarrone, Lorenzo Pastrovicchio, Tito Faraci). Di recente il personaggio ha fatto il suo ritorno in pompa magna sulle pagine di Topolino, dimostrando di non sentire affatto il peso dell’età, con le saghe di “Potere e Potenza”, “Gli Argini del Tempo” e “Il Raggio Nero” e perfino in un crossover con Doubleduck in PK vs DD: Timecrime.

E ora, Stay Nerd vi propone una sua personalissima top 10 delle avventure migliori del papero mascherato!

La pikappica premessa

Abbiamo deciso, andando un po’ in controcorrente rispetto alle altre classifiche sull’argomento, di inserire anche albi tratti da PK2, seconda serie e seguito diretto della prima, poco apprezzata e chiusa dopo appena 18 uscite. Abbiamo anche scelto di tenere fuori gli albi speciali estivi e il reboot Pk-Pikappa, nonostante pure nelle simpaticamente ribattezzate “frittole” siano presenti storie di grande rilievo.

Evroniani (Amazon)

“Questa è una festa privata!Non sono ammessi Evroniani e scocciatori generici!”

Saremo poco originali, ma iniziamo questa graduatoria dall’inizio. Uscito nel marzo del 1996 ed andato esaurito in pochissimo tempo, il numero 0 è entrato ormai di diritto nella storia del fumetto. Realizzato dal duo Alessando Sisti/Alberto Lavoradori (con Ezio Sisto collaboratore al soggetto), introduce i primi, fondamentali elementi dell’intera mitologia. Compaiono qui per la prima volta gli alieni succa emozioni noti come Evroniani, Lyla Lay, Angus Fangus, Camera Nove, Uno e lo scudo Extranformer.

Ritratto dell’Eroe da Giovane (Amazon)

“Al momento giusto!Ho esaurito… Gli argomenti di conversazione!”

Approdato nelle edicole per la prima volta nel maggio del 1997, Ritratto dell’Eroe da Giovane amplia enormemente il campo d’azione del vecchio mantello spedendolo addirittura nel XXIII secolo. Non è un caso che i testi portino la firma di Alessando Sisti, una delle menti creatrici della serie, e del visionario Alessandro Barbucci. Un numero sensazionale, che si pregia, tra le tante cose, di un merito epocale, quello di aver ospitato la comparsa della celeberrima sigla P.R.D.Q.P (Poche Ragazze Da Quelle Parti) nella Pkmail.

Metamoforsi

“Un modo. È dunque questo, la Terra? Questo brulicante spazio vitale? Questo magnifico caos?”

Questa storia viene pubblicata molto più avanti e si tratta di un importante approfondimento su uno dei personaggi chiave: la xerbiana mutante Xadhoom. Dietro, a muovere i fili, troviamo Bruno Enna, il cui contributo alla testata ha regalato ai fan alcuni degli albi migliori dell’intera epopea. Qui lo sceneggiatore di Sassari si occupa di esplorare il lato più “umano” della nostra occhibelli, in un mosaico di sentimenti e tormenti profondi che forse non ha, tutt’ora, eguali nel fumetto Disney per carica emotiva e impatto narrativo.

Il Giorno del Sole Freddo (Amazon)

“Il giorno dell’esperimento il centro salterà in aria… Disintegrando anche buona parte di Paperopoli!”

Terzo albo della serie regolare (ma sesto per numero d’uscita), Il Giorno del Sole Freddo è uno dei più riusciti. Pk si trova a dover collaborare con il Razziatore (sornione cronopirata conosciuto nel Vento del Tempo, numero 0/2) per scongiurare la distruzione della sua città e sarà costretto a compiere delle scelte difficili, che metteranno in crisi la sua amicizia con Lyla Lay. Una storia piena di colpi di scena, illustrata da Claudio Sciarrone, uno dei disegnatori più iconici del progetto e “padrino artistico” ad honorem del nostro droide di Classe 5y.

Il Peso dei Ricordi

“La memoria è il luogo immaginario dove le cose vere accadono di nuovo”

Cambiamo per un attimo personaggi e scenario. PK2 è una serie che ha avuto poche luci e tante ombre, ma nei suoi momenti migliori ha saputo toccare delle corde che PKNA non è mai riuscito a suonare. Come questa storia, che scava nel passato di Everett Ducklair, a cui sono legati tantissimi eventi e svolte narrative all’interno dell’intera saga. Il Peso dei Ricordi è un racconto poetico, a tratti drammatico, incentrato sul peso della memoria e di come essa condizioni irremediabilmente le nostre vite.

Motore/Azione (Amazon)

“Baldo, Baldo… L’allegro castoro”

Primo numero per la premiatta coppia Tito Faraci/Silvia Ziche, dopo tanto allenamento sulla pagine di Angus Tales, Motore/Azione è un’esilarante storia piena di gag e personaggi memorabili, come il Generale Zondag, l’Archiatra Zoster e il cast di Patemi. Nonostante sia una vicenda per lo più umoristica, possiede anche una forte componente action che mostra un lato inedito dell’arte di Silvia Ziche.

La Fine della Storia 

“…Vorrei solo… Tornare a casa”

Il miglior albo di PK2 è la quinta uscita della nuova serie. Dopo aver dichiarato guerra aperta a Ducklair e aver fatto conoscenza con le sue figlie telepatiche, Pikappa incontra un’altra new entry: Tyrrel Duckard, droide del XXIII secolo ed ex fidanzato di Lyla. Rimasto bloccato nel presente a causa del fenomeno della microcontrazione temporale, il tempoliziotto è disposto a tutto per tornare a casa, anche ad attuare un piano che causerebbe la distruzione di un’intera linea temporale. Storia tragica sull’amore e sulla lontananza, che fa aumentare i rimpianti per ciò che PK2 avrebbe potuto essere e non è stato.

Carpe Diem (Amazon)

“Abbiamo colto l’attimo. Carpe Diem!”

Parlaimo ora di quella che molti Pkers considerano non una storia qualsiasi, ma la storia per eccellenza. Capolavoro assoluto della penna di Francesco Artibani (che, è il caso di ricordarlo, ha riportato Pk in edicola dopo tanti anni di assenza) e di Alessandro Barbucci, Carpe Diem è un’avventura adrenalinica che vede la nostra mascherina collaborare di nuovo al fianco del Razziatore, ma stavolta la posta è molto più alta: salvare l’intero corso del tempo!

Trauma (Amazon)

“A volte può bastare… Essere un piccolo, fragile papero”

Cos’è alla fine Pikappa? Anzi, chi è? Cosa rappresenta? Un piccolo papero coraggioso che affronta minacce più grandi di lui senza arrendersi. È quello che ci hanno insegnato Tito Faraci e Lorenzo Pastrovicchio, all’esordio assoluto su PKNA, in una storia leggendaria, dove il nostro eroe afronta il suo nemico peggiore: la paura, magnificamente incarnata da Trauma, il generale Evroniano reietto potenziato geneticamente. Una battaglia epica a suon di cazzottoni che si consacra come il miglior fumetto di stampo supereroistico mai visto in Italia. Una storia che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita.

Frammenti d’autunno (Amazon)

“Immensa. Unica. Irraggiungibile.”

Raramente nel fumetto (e di quello Disney in particolare) venivano trattati temi così delicati come l’amore impossibile, l’ossessione, il dolore e la solitudine. Ma PKNA lo fa, dimostrandosi ancora in un’occasione una testata innovativa e all’avanguardia. Ai testi, manco a dirlo, quel Bruno Enna capace di scrivere bene anche la lista della spesa. Ad aiutarlo, non a caso, abbiamo Claudio Sciarrone, disegnatore che meglio di tutti ha rappresentato la nostra Lyla. Un numero immortale, intenso e commovente.

E voi? Quali sono le vostre storie preferite di Pikappa? Fatecelo sapere nei commenti!

No more articles