Nella marea di scandali che sta attraversando diverse sfere e rami dell’intrattenimento degli Stati Uniti il nome di Stan Lee sembra essere uno dei meno probabili. Tuttavia negli ultimi giorni anche il Sorridente sembra essere entrato nel ciclone generato dopo lo scandalo Weinstein.

Alcune infermiere che lo avrebbero curato nella sua villa di Los Angeles infatti non sarebbero dello stesso avviso. Da quanto emerge, il novantacinquenne co-creatore dell’Universo Marvel avrebbe avuto l’abitudine di camminare nudo per casa, chiedendo alle ragazze di praticare del sesso orale e di “farlo godere”.

Pronta la replica dell’avvocato di Lee, il quale ha definito le accuse in questione “false e crudeli“. Nel suo comunicato si legge “Mr. Lee non sarà fatto oggetto di ricatti ed estorsioni. Non pagherà denaro per non aver fatto assolutamente niente di sbagliato”.

A compleatare questa strana vicenda ci pensano le attuali badanti di Stan, le quali lo definiscono come un uomo affabile e rispettoso. La società di cui fanno parte le accusatrici ha smesso di lavorare per Lee da circa due anni. La questione, insomma, appare ben lungi dall’essere chiara e dall’avere una conclusione. Invitiamo perciò i lettori a prendere questa notizia con la dovuta cautela. Seguiranno aggiornamenti se necessario.

(fonte: ComicBookMovie.com)

 

No more articles