Stan Lee, storico scrittore ed editore di Marvel Comics, è morto all’età di 95 anni

Stan Lee, storico scrittore, fumettista e produttore cinematografico, è deceduto all’età di 95 anni.

La notizia del decesso, presso il Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, è stata diffusa poche ore fa da TMZ.

Stanley Martin Lieber, noto con lo pseudonimo di Stan Lee, nacque nel 1922 a New York e iniziò la sua carriera da fumettista nel 1939 diventando famoso in tutto il mondo per aver creato personaggi del calibro di Spider-Man, X-Men, Thor, Iron Man, i Fantastici 4, l’Incredibile Hulk, Daredevil e Ant-Man.

Gli ultimi anni di Lee furono tumultuosi. Dopo la morte di sua moglie Joan, avvenuta due anni fa, citò in giudizio i dirigenti di POW! Entertainment-società di film, TV e videogiochi fondata da egli stesso nel 2001- con l’accusa di frode per un valore di circa $ 1 miliardo; citò in giudizio anche il suo ex direttore commerciale e presentò un ordine restrittivo nei confronti di un uomo che aveva gestito i suoi affari.

Il fumettista, grazie al suo lavoro e a quello di altri scrittori come Jack Kirby e Steve Ditko, catapultò la Marvel da una piccola avventura al diventare il editore numero uno al mondo di fumetti.

A partire dagli anni ’60, l’irrefrenabile e grintoso Stan Lee diede ai propri supereroi una personalità, non solo poteri. Sino ad allora gli headliner dei fumetti come quelli di DC Comics erano ben squadrati e regolati, ma i loro supereroi avevano debolezze umane e indecisioni.

Le sue storie mi hanno insegnato che persino i supereroi come Spider-Man e L’Incredibile Hulk hanno delle carenze dell’Io “, ha detto Gene Simmons di Kiss in un’intervista del 1979. “Attraverso l’onestà di ragazzi come Spider-Man, ho imparato a conoscere le sfumature di grigio nella natura umana.

Stan Lee, da collaboratore a presidente dell’intera Marvel, lascia una grande impronta nel mondo della cultura pop e verrà per sempre ricordato grazie alle sue innumerevoli creazioni che hanno rivoluzionato l’intero mondo del fumetto.

 

Fonte: TMZ

 

 

No more articles