Il Covid stoppa le riprese di American Horror Story: Double Feature

Ci sono brutte notizie per i fan di American Horror Story: le riprese di Double Feature, decima stagione dello show, sono ferme a causa un caso confermato di positività al Covid. Non si può certo dire che la nuova tornata di episodi dello show di FX sia stata fortunata fin qui.

Dopo il rinnovo avvenuto nel 2019, lo show è stato sospeso proprio a causa della pandemia e rimandato a data da destinarsi. La nuova uscita è ora fissata al 25 Agosto 2021. Tuttavia c’è un briciolo di consolazione per gli spettatori: la data di lancio non sarà intaccata.

Le riprese interrotte riguardano infatti esclusivamente la seconda parte dello show. Per questo motivo l’uscita resterà la stessa, mentre sarà necessario per i fan attendere qualche settimana in più per vedere la seconda parte. Vi terremo aggiornati nel coaso emergano novità, ovviamente.

american horror story covid

Il Covid stoppa le riprese di American Horror Story: Double Feature

Sono pochi i dettagli relativi alla decima stagione di AHS. Sappiamo che lo show racconterà due storie diverse, distanziandosi un po’ dalle precedenti stagioni. Le due trame saranno infatti trattate come se fossero due miniserie e, stando agli autori, una sarà ambientata sul mare e una sulla sabbia.

Il cast include diversi graditi ritorni (Sarah Paulson, Evan Peters, Emma Roberts), ma anche nuovi ingressi, tra cui quello di Macaulay Culkin, che tra l’altro di Paris Jackson è anche il padrino, e quello di Kaia Garber in ruoli ancora misteriosi.

Anche dettagli sul personaggio interpretato dall’attrice sono ancora sconosciuti, ma dovrebbe recitare in almeno un episodio, nella seconda metà della stagione (o mini-stagione per il discorso di cui sopra). Potrebbe trattarsi di un bel trampolino di lancio per Paris Jackson, che finora ha solamente inanellato ruoli da comprimaria o guest spot.

(Fonte: Variety)

Leggi anche:

Genovese, classe 1988. Laureato in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie, Federico dedica la maggior parte del suo tempo a leggere cose che vanno dal fantastico estremo all'intellettuale frustrato. Autore di quattro romanzi scritti mentre cercava di diventare docente di storia, al momento è il primo nella lista di quelli da mettere al muro quando arriverà la rivoluzione letteraria e il fantasy verrà (giustamente) bandito.