Chi ha deciso il licenziamento di Johnny Depp da Animali Fantastici?

Sembra non placarsi la bufera nata attorno al licenziamento subito da Johnny Depp dalla produzione di Animali Fantastici 3. In queste ultime ore The Hollywood Reporter avrebbe dedicato un vasto approfondimento sulla vicenda.

La testata sarebbe andata alla ricerca di chi avrebbe preso la decisione di licenziare Depp, decisione che sembrerebbe avvenuta da parte di qualcuno al vertice della compagnia, scavalcando il cast, il regista David Yates e la sceneggiatrice J.K. Rowling, oltre a buona parte del CDA della compagnia.

johnny depp animali fantastici compenso

Per The Hollywood Reporter la decisione sarebbe stata presa da Toby Emmerich, attuale presidente del nuovo gruppo WarnerMedia, società nata dalla fusione di Warner Bros con AT&T. Una scelta effettuata nel corso della giornata del 4 Novembre, pochi giorni dopo la decisione presa dal tribunale londinese, che ha assolto il tabloid The Sun dall’accusa di diffamazione perpetrata dall’attore.

Depp potrebbe aver ricevuto la notizia in anticipo rispetto alla sua comunicazione ufficiale, rivelandola di conseguenza alla Warner. In pochi giorni Emmerich avrebbe quini deciso di chiedere le dimissioni dell’attore.

Da notare come il cast sia stato tenuto all’oscuro per buona parte del tempo. Solo nella giornata del 5 Novembre Warnere avrebbe rivelato la decisione gli altri interpreti. L’Hollywood Reporter ha poi dato spazio a quella che potrebbe essere stata la reazione di J.K. Rowling di fronte alla vicenda. La scrittrice non si sarebbe opposta alla decisione di Emmerich. Questo nonostante la parola di supporto rilasciate per Depp nel 2018.

Al momento la ricostruzione non ha ancora trovato un riscontro ufficiale. Per quanto affidabile la fonte, è ancora da accertare che la responsabilità sia di Emmerich. Ma, stando così le cose, si confermerebbe uno scenario dove l’allontamento di Depp sia stato preso al vertice della società, una decisione unilaterale voluta dal capo della compagnia in persona.

No more articles