Netflix produrrà il sequel di Atomica Bionda?

Dopo il successo di Atomica Bionda, pellicola del 2017 con protagonista Charlize Theron, Netflix ha deciso di produrre il seguito.

Il sequel era un progetto concreto da tempo. Già due anni fa la stessa Charlize Theron, nel corso di una premiazione dedicata alla sua carriera al San Francisco International Film, lo aveva confermato.

Alla specifica domanda se ci fosser piani per un nuovo capitolo della spy story che l’ha vista protagonista, l’attrice aveva risposto positivamente, affermando “Stiamo lavorando ad un seguito”.

Ora questa possibilità sembra essersi fatta concreta, con il sito di streaming proprietà di Reed Hastings pronto a realizzare la pellicola. Sono momentaneamente pochi i particolari noti al riguardo.

Produttori del film saranno Kelly McCormack e Beth Kono, supportati dalla compagnia Denver and Delilah Productions. Tuttavia anche la stessa Theron entrerà a far parte della produzione, oltre ovviamente a tornare come protagonista.

atomica bionda netflix

Non sono invece giunte voci su altri componenti del cast e, di conseguenza, su quale possa essere la trama della nuova pellicola. Sarà ovviamente nostra cura avvisarvi non appena sarà possibile riferirvi nuovi particolari. Non resta dunque che attendere per scoprire cosa ci riserverà Netflix col seguito di Atomica Bionda.

Diretto da David Leitch come adattamento del fumetto “The Coldest City” di Antony Johnston e Sam Hart, Atomica Bionda segue la storia di Lorraine Broughton, la più spietata assassina dell’MI6 e punta di diamante dell’Intelligence britannica.

Quando viene inviata nella Berlino della Guerra Fredda per una missione sotto copertura, dovrà sfoderare tutte le sue abilità da spia, la sua sensualità e ferocia per sopravvivere in una città che, smossa da rivoluzione e traditori doppiogiochisti, rischia di esplodere da un momento all’altro. Broughton dovrà farsi strada nel gioco mortale dello spionaggio e combattere contro assassini spietati per recuperare un inestimabile dossier.

(fonte: ComicBook.com)

No more articles