Il 12 Giugno prevista la riapertura dei cinema in California: un passo avanti per la conferma di Tenet il 17 Luglio?

Arriva dagli Stati Uniti un importante aggiornamento sul cinema: mentre infatti in diversi stati sono state allentate le misure di sicurezza ed è terminato il periodo di lockdown, piano piano stanno anche riaprendo i vari esercizi commerciali, tra cui proprio i cinema, la cui riapertura è prevista in California dal 12 Giugno.

Lo ha deciso il California Department of Public Health, che ha redatto delle linee guida per regolamentare la riapertura dell’attività, che saranno modificabili ovviamente a seconda dei dati che arriveranno sull’infezione e quindi continuando a monitorare attivamente la situazione legata al coronavirus.

I cinema negli Stati Uniti sono chiusi dal 17 Marzo, e per poter riaprire ci vorranno dunque protocolli di sicurezza e relativi all’igiene piuttosto rigidi: il pubblico deve essere limitato al 25% della capienza della sala, o a 100 spettatori, a seconda di quale dei due numeri sia minore, e praticare il distanziamento sociale all’interno dei parcheggi, e all’entrata e all’uscita del cinema.

Inoltre il personale di sala deve indossare la mascherina, mentre non è obbligatoria per gli spettatori.

cinema california riapertura

Come detto si tratta di linee guida provvisorie, e che devono essere aggiornate a seconda dell’andamento della situazione a livello globale, per cui il numero di spettatori ad esempio potrebbe essere ridotto o aumentato nel corso del tempo, in base ai dati sull’infezione.

Si tratta però senza dubbio di una notizia importante, sia perché è finalmente il primo passo verso un ritorno a una sorta di normalità, sia perché dalla riapertura dei cinema dipende in gran parte la data d’uscita di Tenet e di altri importanti film.

Il nuovo lavoro di Nolan è infatti costato 200 milioni di euro, e per confermarne l’uscita il 17 Luglio, Warner ha bisogno che la maggior parte dei cinema americani siano aperti, e il mercato californiano è senza dubbio uno dei più importanti negli States.

(Fonte: Screen Daily)

No more articles