Svelati i vincitori degli Emmy Awards 2021

Si sono tenuti nella notte gli Emmy Awards, i premi più prestigiosi dedicati alla televisione, svelando i vincitori dell’edizione 2021. La premiazione che segna il primo risveglio dopo la pandemia vede spiccare soprattutto due serie. Dal lato drammatico abbiamo The Crown, con diversi riconoscimenti tra cui quello di miglior attrice per Olivia Colman. Dall’altro Ted Lasso, che si aggiudica diversi premi, tra cui quello come miglior attor protagonista per Jason Sudeikis.

Menzioni speciali per John Oliver, con il suo Last Week tonight che si distingue tra programmi di varietà e, per finire, all’italo-americana Lucia Aniello come regista e sceneggiatrice.

emmy vincitori 2021

La lista dei vincitori degli Emmy Awards 2021

  • Miniserie: “La Regina degli Scacchi”.
  • Serie drammatica: “The Crown”.
  • Serie comica: “Ted Lasso”.
  • Varietà: “Hamilton”.
  • Varietà (dal vivo): “Stephen Colbert’s Election Night 2020: Democracy’s Last Stand Building Back America Great Again Better 2020″.
  • Miglior attore protagonista, serie drammatica: Josh O’Connor, “The Crown”.
  • Migliore attrice protagonista, serie drammatica: Olivia Colman, “The Crown”.
  • Miglior attore in miniserie o film televisivo: Ewan McGregor, “Halston”.
  • Migliore attrice in miniserie o film televisivo: Kate Winslet, “Mare of Easttown”.
  • Miglior sceneggiatori per miniserie, film o serie drammatica speciale: Michaela Coel, “I May Destroy You”.
  • Migliore regia per miniserie: Scott Frank, “La Regina degli Scacchi”.
  • Competition series: “RuPaul’s Drag Race”
  • Miglior attore, serie comedy: Jason Sudeikis, “Ted Lasso”
  • Migliore attrice, serie comedy: Jean Smart, “Hacks”
  • Miglior regia per una serie comedy: Lucia Aniello, “Hacks” (“There Is No Line (Pilot)”)
  • Miglior sceneggiature per una serie comedy: Lucia Aniello, Paul W. Downs and Jen Statsky, “Hacks” (“There Is No Line (Pilot)”)
  • Migliore Varietà a sketch: “Saturday Night Live”
  • Miglior talk show televisivo: “Last Week Tonight With John Oliver”
  • Migliore sceneggiatura per una serie di varietà: “Last Week Tonight with John Oliver”
  • Miglior attore non protagonista, serie drammatica: Tobias Menzies, “The Crown”
  • Migliore attrice non protagonista, serie drammatica: Gillian Anderson, “The Crown”
  • Migliore regia per una serie drammatica: Jessica Hobbs, “The Crown” (“War”)
  • Miglior sceneggiatura per una serie drammatica: Peter Morgan, “The Crown” (“War”)
  • Miglior attore non protagonista in una miniserie o film TV: Evan Peters, “Mare of Easttown”
  • Migliore attrice non protagonista in una miniserie o film TV: Julianne Nicholson, “Mare of Easttown”
  • Miglior attore non protagonista, serie comedy: Brett Goldstein, “Ted Lasso”
  • Migliore attrice non protagonista, serie comedy: Hannah Waddingham, “Ted Lasso”
  • Miglior attore ospite, dramma: Claire Foy, “The Crown”
  • Migliore attrice, dramma: Courtney B. Vance, “Lovecraft Country”
  • Miglior attore ospite, serie comedy : Maya Rudolph, “Saturday Night Live”
  • Migliore attrice ospite serie, comedy: Dave Chappelle, “Saturday Night Live”
  • Miglior film TV: “Dolly Parton’s Christmas on the Square”

(fonte: LosAngelesTimes)

Genovese, classe 1988. Laureato in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie, Federico dedica la maggior parte del suo tempo a leggere cose che vanno dal fantastico estremo all'intellettuale frustrato. Autore di quattro romanzi scritti mentre cercava di diventare docente di storia, al momento è il primo nella lista di quelli da mettere al muro quando arriverà la rivoluzione letteraria e il fantasy verrà (giustamente) bandito.