Alan Taylor sarà il regista della serie TV di AMC ispirata a Intervista col Vampiro

A distanza di un mese dalla notizia che vedeva AMC ordinare una serie TV tratta da Intervista col Vampiro, ecco svelato anche il nome del regista: si tratta di Alan Taylor, direttore di Thor: The Dark World e di alcuni episodi di Il Trono di Spade.

“Alan Taylor è un regista leggendario” ha dichiarato Dan McDermott di AMC Studios, “qualcuno con cui abbiamo già lavorato insieme in occasione del primo episodio di Mad Men. […] Stiamo mettendo insieme un team straordinario fatto di persone talentuose tra le quali Rolin Jones, Mark Johnson e ora anche Alan, un regista con una produzione artistica di notevole spessore, senza contare le straordinarie storie e i personaggi creati da Anne Rice, capaci di catturare l’attenzione di milioni di fan sparsi in tutto il mondo.”

Sebbene del progetto non sia stato ancora svelato nulla, sappiamo che la prima stagione sarà composta in totale da otto episodi, attraverso i quali saranno narrate le vicende create dalla celebre autrice, Anne Rice. Ad occuparsi dello script sarà Rolin Jones – showrunner della prima stagione del Perry Mason di HBO – che sarà anche autore, curatore e produttore esecutivo della serie, insieme a Mark Johnson, Anne e Christopher Rice.

intervista vampiro serie regista

“La sfida ti creare un adattamento televisivo di un lavoro così straordinario e coinvolgente come quello di Anne Rice, è al tempo stesso intimidatoria ed entusiasmante” ha dichiarato il producer, Mark Johnson, al tempo dell’annuncio. “Avendo già prodotto film ispirati a simili lavori, riesco a riconoscere sia la responsabilità che gli obblighi che abbiamo nei confronti del materiale originale. Sono convinto che insieme a AMC e Rolin Jones saremo in grado di essere all’altezza della sfida, di entusiasmare e intrattenere sia i fan più fedeli di Anne Rice, sia chi si affaccia alle sue opere per la prima volta.”

“Nei 1973” aggiunse lo showrunner, Rolin Jones, “una madre in lutto e una straordinaria scrittrice diede vita a quella che sarebbe diventato uno dei migliori romanzi sui Vampiri mai scritti, con tutto il rispetto per Mr. Stoker. Quasi cinquantanni dopo sappiamo cosa ci si aspetta da noi. Sappiamo quanto questo libro e i suoi successori significhino per la fan base. Sentiamo la vostra presenza mentre ci prendiamo cura del ‘Savage Garden’. Louis e Lestat stanno per uscire dall’ombra e non vediamo l’ora di poterveli far ri-incontrare.”

Fonte: CB

Romano di nascita, nerd per passione, amante di Final Fantasy, di Batman e dei Cavalieri dello Zodiaco. Parla poco ma ascolta e osserva molto, sente un’affinità smodata con i lupi e spera di rincarnarsi in uno di loro. Cede spesso alle tentazioni della rabbia con picchi che creano terremoti in Cina per l’Effetto Farfalla e odia la piega che sta prendendo l’Universo-Videoludico negli ultimi anni.