Accordo raggiunto tra Konami e lo sviluppatore Bloober Team

Importanti novità dal mercato videoludico: Konami ha da poco annunciato una collaborazione con lo sviluppatore polacco Bloober Team. Lo studio di Cracovia ha come proprio obiettivo quello di creare nuovi e affascinanti horror psicologici, ricevendo negli ultimi mesi l’attenzione dei giocatori per il proprio titolo The Medium.

Lo scopo, annunciato nel comunicato stampa diffuso per rivelare questo accordo, è quello di creare nuovi titoli horror che sappiano impressione pubblico e critica, dando il meglio delle rispettive esperienze provenienti dalla due realtà.

“Siamo entusiasti di questo nuovo accordo con Bloober Team e altri partner di sviluppo molto apprezzati per produrre giochi da IP esistenti e nuove”, ha spiegato un portavoce di Konami. “La nostra alleanza con Bloober Team è un’area in cui stiamo continuando a evolvere il nostro approccio allo sviluppo del gioco”.

konami accordo bloober team

Le parole dei Bloober team sull’accordo con Konami

Anche Piotr Babieno, CEO di Bloober Team, ha espresso soddisfazione per questo accordo. “È un giorno storico per me e il culmine di diversi anni del nostro lavoro. Il fatto che un’azienda così rinomata come Konami abbia deciso di collaborare strategicamente con il Bloober Team significa che anche noi siamo entrati a far parte dei leader mondiali nel gioco e siamo diventati pari partner dei principali attori di questo mercato”.

Inutile dire che la fantasia dei fan sta già volando per questo accordo tra le parti. Molti si aspettano di poter vedere, nel prossimo futuro, qualcosa legato a una vecchia IP horror di Konami. Ovviamente stiamo parlando di Silent Hill, che negli scorsi giorni è stata al centro di complesse teorie da parte della rete, al momento destinate a risolversi in una bolla di sapone.

Non resta che lasciare a voi la parola! Cosa ne pensate di questo accordo trea Konami e Bloober Team? Lasciateci un commento!

(fonti: TheGamer e GamesRadar)

Genovese, classe 1988. Laureato in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie, Federico dedica la maggior parte del suo tempo a leggere cose che vanno dal fantastico estremo all'intellettuale frustrato. Autore di quattro romanzi scritti mentre cercava di diventare docente di storia, al momento è il primo nella lista di quelli da mettere al muro quando arriverà la rivoluzione letteraria e il fantasy verrà (giustamente) bandito.