Martin Scorsese: i film preferiti dal regista di The Irishman

Scoprire i film preferiti di un regista o di un qualsiasi addetto ai lavori del mondo del cinema è sempre interessante, ma lo è ancor di più quando si tratta di uno dei cineasti più apprezzati al mondo.
In occasione dell’uscita nelle sale, seppur soltanto per tre giorni (4-5-6 novembre 2019) di The Irishman e della sua prossima distribuzione su Netflix (27 novembre), vi proponiamo la lista dei film preferiti da Martin Scorsese, più precisamente di quelli usciti nel 21esimo secolo.

Non molto tempo fa infatti il regista ha redatto una lista di quasi mille lungometraggi che ritiene i migliori di sempre: la potete trovare cliccando qui, ma noi per il momento ci siamo limitati a riportare tutti quelli dal 2000 ad oggi.

Con curiosità notiamo che c’è molto oriente, una certa ripetitività di registi e di genere e soprattutto un cinecomic. Considerando le polemiche scoppiate poche settimane fa, la cosa ci fa sorridere.

martin scorsese film preferiti (2)

Chunyang – di Im Kwon-Taek

In the mood for love – di Wong Kar-Wai

Mysterious object at noon – di Apichatpong Weerasethakul

Yi Yi – di Edward Yang

Indirizzo sconosciuto – di Kim Ki-Duk

Il mestiere delle armi – di Ermanno Olmi

Jealousy is my middle name – di Park Chan-Ok

Spider-man – di Sam Raimi

Waiting for happiness – di A. Sissako

Oldboy – di Park Chan-Wook

Saraband – di Ingmar Bergmann

Spring, summer, fall winter… and spring – di Kim Ki-Duk

Ferro 3 – di Kim Ki-Duk

Head-On – di Fatih Akin

Woman is the future of man – Hong Sang-Soo

Nuovomondo – di Emanuele Crialese

Secret Sunshine – di Lee Chang-Dong

Me and Orson Welles – di Richard Linklater

Colin – di Mark Price

Dev.D – di Anurag Kashyap

Arcipelago – di Joanna Hogg

Poetry – di Lee Chang-Dong

The Ghost Writer – di Roman Polanski

Dont’ expect too much – di Susan Ray

Gangs of Wasseypur part 1 e part 2 – Anurag Kashyap

The cut – di Fatih Hakin

Quel fantastico peggior anno della mia vita– di Alfonso Gomez-Rejon

Mother – di Darren Aronofsky

BlackKklansman – di Spike Lee

Hereditary – di Ari Aster

The Souvenir – di Joanna Hogg

Nato e cresciuto a Roma, sono il Vice Direttore di Stay Nerd, di cui faccio parte quasi dalla sua fondazione. Sono giornalista pubblicista dal 2009 e mi sono laureato in Lettere moderne nel 2011, resistendo alla tentazione di fare come Brad Pitt e abbandonare tutto a pochi esami dalla fine, per andare a fare l'uomo-sandwich a Los Angeles. È anche il motivo per cui non ho avuto la sua stessa carriera. Ho iniziato a fare della passione per la scrittura una professione già dai tempi dell'Università, passando da riviste online, a lavorare per redazioni ministeriali, fino a qui: Stay Nerd. Da poco tempo mi occupo anche della comunicazione di un Dipartimento ASL. Oltre al cinema e a Scarlett Johansson, amo il calcio, l'Inghilterra, la musica britpop, Christopher Nolan, la malinconia dei film coreani (ma pure la malinconia e basta), i Castelli Romani, Francesco Totti, la pizza e soprattutto la carbonara. I miei film preferiti sono: C'era una volta in America, La dolce vita, Inception, Dunkirk, The Prestige, Time di Kim Ki-Duk, Fight Club, Papillon (quello vero), Arancia Meccanica, Coffee and cigarettes, e adesso smetto sennò non mi fermo più. Nel tempo libero sono il sosia ufficiale di Ryan Gosling, grazie ad una somiglianza che continuano inspiegabilmente a vedere tutti tranne mia madre e le mie ex ragazze. Per fortuna mia moglie sì, ma credo soltanto perché voglia assecondare la mia pazzia.