In seguito al recente nuovo-rinvio di No Man’s Sky, gli sviluppatori di Hello Games, nella persona del co-fondatore dello studio Sean Murray, si sono pubblicamente scusati con gli utenti.

“Siamo soddisfatti dei progressi, ma abbiamo bisogno di ulteriore tempo per realizzare il gioco che voi ragazzi meritate. Non possiamo lavorare più duramente di quanto non stiamo già facendo”.

“Grazie a tutti per il supporto dimostrato. Ci scusiamo con tutti coloro che ci sono rimasti male. Cercheremo di ricambiare facendo un buon gioco”.

Sempre Murray, qualche minuto dopo aver scritto quest’ultimo tweet, dichiara di aver “ricevuto diverse minacce di morte durante la settimana, ma tranquilli Hello Games ora sembra la casa di ‘Mamma ho perso l’aereo'”

La stessa sorte è toccata a Jason Schreier, articolista di Kotaku, che per primo scrisse la notizia relativa al rinvio, ritrovandosi poi un messaggio minatorio, al quale ha risposto con un “Ecco cosa significa scrivere di videogiochi su internet”.

Insomma un gran polverone e c’è da chiedersi se, forse, non si stia esagerando un po’ in tutto questo.

No more articles