Il cast del Suicide Squad di James Gunn si arricchisce con l’arrivo di Peter Capaldi

Secondo quanto riportato da Deadline, Peter Capaldi entrerà a far parte del cast dell’atteso secondo capitolo cinematografico dedicato alla Suicide Squad di casa DC Comics.

Oltre al nome del Dodicesimo Dottore della serie di successo Doctor Who, si inizia a parlare anche di Pete Davidson, membro del Saturday Night Live.

Se la presenza di Capaldi è confermata – nonostante non si sappia ancora in quale ruolo lo vedremo nel film scritto e diretto da James Gunn – di Davidson si sa già che dovrebbe apparire in un piccolo cameo, anche se l’accordo non è stato ancora concluso.peter capaldi suicide squadPeter Capaldi si unisce così a un cast formato da graditi ritorni come Margot Robbie (Harley Quinn) Viola Davis (Amanda Waller), Jay Courtney (Captain Boomerang), Joel Kinnaman (Rick Flag) e nuovi ingressi tra i quali Idris Elba, David Dastmalchian (Polka-Dot Man), Daniela Melchior (Ratcatcher), Flula Borg, Steve Agee (King Shark), Nathan Fillion e Taika Waititi, attualmente impegnato anche nella direzione di Thor: Love & Thunder.

Il sequel di Suicide Squad dovrebbe approdare nelle sale il 6 agosto 2021, tuttavia lo script non è ancora stato visionato dalla produzione – l’appuntamento è fissato per l’11 settembre – dunque finché non si darà il via ai lavori, la data può tranquillamente subire modifiche.

Il primo film dedicato alla Suicide Squad esordì sul grande schermo nel 2016 e riuscì a incassare un totale di 745,6 milioni di dollari in tutto il mondo. Un successo notevole considerato il budget di soli 175 milioni.

Purtroppo, sia il pubblico che la critica, non dimostrarono di averlo gradito in maniera particolare, come viene anche evidenziato dai numeri registrati da Rotten Tomatoes (27% 2u 362 recensioni) e Metacritic (40/100 su 53 recensioni).

Ciò nonostante, alla pellicola diretta da David Ayer venne riconosciuto un Premio Oscar: l’ambita statuetta fu vinta nella categoria Miglior Trucco da Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson.

No more articles