4   +   8   =  
Shockdom ha pubblicato il 12 Aprile “HI/LO 3 – Live Wire”, con cui la disegnatrice Pocci Pocetta mette la parola FINE alla divertente e ambigua storia di amore-odio fra Noelle e Kai. I due protagonisti, infatti, all’inizio del primo volume (Body Electricity, a cui fa seguito Voltaic), si risvegliano l’uno nel corpo dell’altra. La situazione tragicomica è peggiorata dal fatto che i due ragazzi, già conoscenti, proprio non si sopportavano. O almeno, tutto è partito da qui…
Sinossi: Proprio quando i due iniziavano a conoscersi meglio, Noelle trova una foto di Kai con una misteriosa ragazza. Ombre grigie si proiettano sul passato di lui agli occhi della protagonista. In un vortice di rivelazioni ed emozioni, Noelle farà luce su ciò che Kai nasconde dentro di lui, ciò che da sempre pesa sul suo cuore. Ma il tempo scorre inesorabile, e la fine dell’estate si avvicina. I due ragazzi sentono di dover affrontare con urgenza il problema del loro scambio di corpi… Ritroveranno mai la normalità? E tornare come prima è davvero ciò che più desiderano?
Pocci racconta: “Hi/Lo ha rappresentato un viaggio emozionante per me. Mi ha fatta crescere, come artista e come persona, ed è stato bellissimo incontrare tanta gente, ognuno con la sua vita, che mi ha confidato di essersi riscoperto in uno dei personaggi della storia. Nessuno conosce l’altro fino in fondo, ma se proviamo a metterci nei suoi panni, possiamo scoprire che il suo vissuto l’ha reso la persona che ci si presenta davanti agli occhi. Con le sue doti nascoste, le particolarità che la rendono unica, e soprattutto gli errori, che tutti commettiamo.  Basta saper guardare oltre.”
Chiara Zulian, responsabile editoriale di Shockdom, dichiara: “In questo terzo volume si conclude la storia di Noelle e Kai, una storia che ci ha accompagnati in questi ultimi anni e che è cresciuta con la sua autrice. Lavorare e poi chiudere questo volume è stato un po’ come salutare dei vecchi amici, perché la capacità di Pocci è quella di farti arrivare dritti al cuore i personaggi che crea; il modo in cui li muove, li fa parlare e maturare è così credibile che te li fa “vivere” attraverso le pagine del volume. Potrei parlare anche dei colori e dei disegni, certo, che sono davvero splendidi, morbidi e brillanti, delle tavole professionali e dettagliatissime, ma sarebbe riduttivo, Hi/Lo va letto e vissuto, i personaggi vanno conosciuti e amati perché, molto semplicemente, se lo meritano, così come lo merita Pocci per l’impegno e la bravura, oltre che professionalità, dimostrati.”
No more articles