Morto Sir Clive Sinclair: il mondo dice addio a uno dei pionieri dell’home computing

Lutto nel mondo della tecnologia e per gli appassionati di computer: Sir Clive Sinclair è morto all’età di ottantuno anni, dopo una lunga infermità. Fu creatore di uno dei primi home computer, lo ZX Spectrum, una macchina rivoluzionaria che negli anni Ottanta riuscì a ottenere un successo eccezionale, diventando un’icona di quel decennio.

Il suo primo computer fu lo ZX80, nome nato dall’anno in cui è apparve sul mercato, costituendo una piccola rivoluzione. Con un costo compreso tra le 79,95 le 99,95 Sterline, all’epoca si inserì prepotentemente sulla scena, con un prezzo di circa un quinto rispetto agli altri computer domestici. All’epoca vendette oltre 50.000 unità, ma fu solo l’inizio; il suo successore ZX81, al costo di 69,95 Sterline, vendette oltre 250.000 pezzi. Non c’è da sorprendersi che in un solo biennio la sua azienza abbia avuto profitti per oltre 14 milioni di sterline l’anno.

Oltre a questo Sir Sinclair fu anche interessato ai trasporti: a metà anni Ottanta realizzò un veicolo ibrido a tre ruote, il Sinclair C5. Oggi si è concordi nel ritenere questo progetto rivoluzionario, ma forse fu troppo avanti per l’epoca, tanto da non avere impatto sul mercato e portarlo, l’anno successivo, a vendere la sua azienda.

sir clive sinclair morto

Morto un pioniere del mondo dei computer: il ricordo della figlia di Sir Clive Sinclair

In un commosso messaggio la figlia di Sir Sinclair, Belinda, ha voluto ricordare il padre, dipindendone un quadro intimo e di profondo affetto con poche parole. “Era una persona assolutamente straordinaria. Certo, era così intelligente ed era sempre interessato a tutto. Mia figlia e suo marito sono ingegneri e parlava costantemente di ingegneria con loro”.

Il ricordo di Sir Sinclair ha unito diverse personalità del mondo della tecnologia. Tra questi il patron di Tesla Motors, Elon Musk, che ha voluto ricordare l’uomo via Twitter.

(fonte)

Genovese, classe 1988. Laureato in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie, Federico dedica la maggior parte del suo tempo a leggere cose che vanno dal fantastico estremo all'intellettuale frustrato. Autore di quattro romanzi scritti mentre cercava di diventare docente di storia, al momento è il primo nella lista di quelli da mettere al muro quando arriverà la rivoluzione letteraria e il fantasy verrà (giustamente) bandito.