Sony e Crunchyroll potrebbero essere vicine a stringere un accordo miliardario

Secondo un nuovo report diffuso da Nikkei Asia, Sony sta per acquisire Crunchyroll, il popolare servizio di streaming dedicato all’animazione giapponese.

In base alle informazioni divulgate, l’accordo tra le due compagnie sfiora una cifra che si avvicina al milione di dollari. L’importo esatto si dovrebbe aggirare sui 100 miliardi di yen – pari a circa 820 milioni di euro.

Cifre astronomiche ma non per questo surreali, soprattutto considerati i nomi coinvolti.

Se l’accordo tra i due colossi dell’intrattenimento dovesse andare in porto, Sony otterrebbe la possibile esclusiva su tutti i prodotti presenti su Crunchyroll.

Il sito dedicato allo streaming legale di anime fondato nel 2006, stando alle cifre registrate nel mese di Luglio 2020, al momento vanta un totale di 70 milioni di abbonati, dei quali 3 milioni paganti.

Già qualche tempo fa erano iniziate a circolare alcune voci che vedevano AT&T – proprietaria di Crunchyroll – interessata a vendere la piattaforma a Sony, per una cifra che, al tempo, si aggirava sul 2 miliardi di dollari. La voce non venne mai confermata né smentita dalle parti interessate e finì nel dimenticatoio. Almeno fino a oggi.

sony crunchyroll acquisizione

Nel corso degli anni, Sony ha dimostrato di tenere sempre sott’occhio il panorama anime mondiale, investendo somme considerevoli nel settore e scommettendo su opere che hanno conquistato il mondo intero, come il più recente Demon Slayer.

In un periodo particolarmente difficile come quello che stiamo vivendo in questo 2020, decidere di investire nel mercato dello streaming non può che essere una scelta vincente. Non per niente i grandi nomi del settore – come Netflix o Hulu – sono tra quelli che stanno risentendo meno delle restrizioni imposte dai governi del mondo, per combattere la pandemia che da inizio anno controlla le nostre vite.

Ricordiamo che, al momento, nessuna delle parti interessate – quindi né CrunchyrollSony – hanno commentato il report diffuso. Vi invitiamo dunque a prendere questa notizia con tutte le cautele del caso.

Fonte: Kotaku

No more articles