Tom Holland parla di Spider-Man 3

Col mondo del cinema in pausa forzata per colpa del Coronavirus si guarda già al futuro, con la produzione di Spider-Man 3.

Tom Holland ha avuto modo di rilasciare una lunga intervista a Inquirer il giovane attore ha parlato del suo futuro come Peter Parker, confermando che il terzo film MCU dedicato a Spidey sarà qualcosa di “fuori di testa”.

“Sono molto felice. Gireremo Spider-Man 3 a Luglio, ad Atlanta” ha confermato Holland ,per poi confermare che anche Zendaya tornernà a interpretare MJ, con un ruolo di maggiore rilievo all’interno della trama. Il nuovo Spidey ha tuttavia evitato di rispondere a domande riguardanti l’effettiva relazione che unirà i due ragazzi nella pellicola. 

La una domanda successiva si è poi spostata sulla presenza dell’Uomo Ragno in altri film del Marvel Cinematic Universe. “Per quanto riguarda la mia comparsa in altri film Marvel non sono sicuro di quello che vogliono che io faccia” ha glissato Holland.

Spider-Man 3 titolo

Noto col titolo di lavorazione “Serenity Now” il terzo film inizia finalmente a muovere i primi passi. Qualcosa che, solo pochi mesi fa, sarebbe stato impensabile, vista la spaccatura emersa tra Sony e Disney per i diritti del personaggio, cosa che ha messo a serio rischio la presenza di Spidey nel MCU.

Da quanto emerso Holland avrebbe impiegato le settimane intercorse tra la fine dell’accordo e il suo rinnovo a contattare le due diverse dirigenze. Il suo ruolo sarebbe stato fondamentale per spingere Sony e Marvel a trovare un accomodamento per consentire a Spidey di concludere la propria storia nel Marvel Cinematic Universe. Considerato come è andata a finire sembra proprio che il giovane attore si sia rivelato un buon negoziatore.

Il terzo film di Spider-Man dovrebbe vedere le sale cinematografiche nel luglio del 2021. La pellicola dovrebbe riprendere le fila di quanto accaduto alla fine di Far From Home (qui la nostra recensione), e Jon Watts è al momento in trattative per dirigere ancora una volta Spidey.

Genovese, classe 1988. Laureato in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie, Federico dedica la maggior parte del suo tempo a leggere cose che vanno dal fantastico estremo all'intellettuale frustrato. Autore di quattro romanzi scritti mentre cercava di diventare docente di storia, al momento è il primo nella lista di quelli da mettere al muro quando arriverà la rivoluzione letteraria e il fantasy verrà (giustamente) bandito.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui