Disney ha deciso: i restanti film previsti nel 2021 saranno proiettati prima al cinema e poi diffusi su Disney Plus, dopo 30/45 giorni

Cambio di rotta importante da parte di Disney, che ha deciso di dare nuovamente priorità al cinema, per cui i rimanenti film in uscita nel 2021 saranno proiettati prima in sala, e poi dopo un periodo che può variare dai 30 ai 45 giorni, saranno resi disponibili anche sulla piattaforma streaming di Disney Plus.

Lo ha annunciato la stessa Disney durante il weekend, citando il successo al box office dei film estivi della major, che ha conquistato cinque delle prime otto posizioni delle classifiche di vendita ai botteghini, notando un certo aumento della fiducia dei clienti nel ritornare al cinema.

I numeri di Shang-Chi e Free Guy hanno insomma convinto i vertici Disney ad applicare il cambio di rotta di cui sopra: il film Marvel è infatti uscito in anteprima al cinema con una finestra di esclusività di 45 giorni, ed è riuscito a guadagnare 71.4 milioni di dollari nel solo weekend del Labor Day, mentre Free Guy aveva portato a casa 28.4 milioni nel suo weekend di debutto ad Agosto. Entrambe le pellicole hanno superato i 100 milioni di dollari ai botteghini.

La decisione inoltre mette al riparo Disney da eventuali cause legali come quella intentata da Scarlett Johansson, per via dei compensi degli attori che in gran parte si basano sui risultati ottenuti al box office. Insomma, un win-win per il colosso dell’intrattenimento.

disney plus film cinema

Disney: il calendario delle uscite 2021

Il calendario Disney cambia dunque così, con il musical animato Encanto in arrivo il 24 Novembre con un’esclusiva temporale di 30 giorni al cinema, mentre per i seguenti film il periodo di esclusiva sarà di 45 giorni. Si tratta di:

  • The Last Duel – 15 Ottobre
  • Ron: Un amico fuori programma – 22 Ottobre
  • Eternals – 5 Novembre
  • West Side Story – 10 Dicembre
  • The King’s Man – 22 Dicembre

Che ne pensate di questa decisione?

(Fonte: The Verge)

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.