Tom Cruise fa una sfuriata contro due membri dello staff di Mission Impossible 7 che non avevano rispettato le distanze anti-covid

Sta facendo il giro del mondo l’audio della sfuriata di Tom Cruise nei confronti di due membri della troupe di Mission Impossible 7, rei di non aver rispettato le distanze di sicurezza previste dai protocolli anti-covid.

L’attore è infatti molto coinvolto nella battaglia dell’industria cinematografica contro il coronavirus. Il cinema è in un periodo estremamente difficile, dato che tutte le produzioni sono state sospese per mesi, e molte non sono ancora riprese.

Lo stesso Mission Impossible 7 è stato sospeso per la positività del regista e di altri 11 membri dello staff. E Tom Cruise vuole evitare a tutti i costi che ci sia un ulteriore rinvio, anche perché essendo l’ultimo film della saga una delle più grandi produzioni ad essere ripresa, il film è un po’ sotto l’occhio di tutta Hollywood, e l’attore ci tiene a non dare il cattivo esempio, ed ha addirittura pagato 500.000 sterline per una nave da crociera sulla quale il cast e lo staff possono essere isolati.

tom cruise sfuriata

Così evidentemente non ci ha visto più quando ha notato due membri dello staff troppo vicini tra di loro. Non è chiaro se i due fossero già stati avvertiti o se si è trattato della proverbiale goccia che ha fatto traboccare il vaso, ma insomma Tom Cruise si è fatto veramente sentire.

“Se vi vedo farlo di nuovo, siete licenziati, e vale per tutti. Non fatelo mai più. A Hollywood sono tornati a fare film grazie a noi. Stiamo creando migliaia di posti di lavoro, c**zo. Niente scuse. Andatelo a dire alle persone che hanno perso la loro casa perché la nostra industria è stata chiusa. Non sospenderemo di nuovo questo film, è chiaro? Se vi rivedo farlo siete licenziati.”

Non è comunque una sorpresa che Tom Cruise sia così coinvolto: in molte foto è apparso sul set con la mascherina, e molti insider lo hanno sempre definito come in prima linea per tutto quello che riguarda la sicurezza.

(Fonte: The Sun)

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.

4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui