Tim Allen paragona Toy Story ad Avengers

I fan di tutto il mondo aspettano l’arrivo al cinema di Toy Story 4, nuova avventura dei giocattoli creati da Disney e Pixar. Nel frattempo Tim Allen, storica voce originale di Buzz Lightyear, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul franchise, elogiandolo al punto di paragonarlo… agli Avengers!

“Mi sembra di vedere  un film degli Avengers.” ha spiegato Allen. “Non solo i personaggio principali vivono delle avventure che si svolgono contemporaneamente. È anche un universo narrativo che è diventato più vasto di prima”.

Successivamente all’attore è stato chiesto se ci sia ancora spazio per un quinto capitolo della saga. Ma al riguardo Allen non è sembrato d’accordo. “Ho la sensazione che la storia sia finita” ha affermato. “Credo sia il mio lato creativo a parlare, a dirmi che anche le cose belle giungono alla fine e che allo stesso tempo può esserci un nuovo inizio. In questo senso mi è difficile non andare avanti”.

toy story 5

Nel 1995 Toy Story – Il Mondo dei Giocattoli rivoluzionò il cinema d’animazione come primo lungometraggio interamente realizzato con la computer grafica. Il film ottenne il più alto incasso di quell’anno e fu candidato a tre premi Oscar e due Golden Globe.  Quattro anni dopo, Toy Story 2 – Woody e Buzz alla Riscossa vinse il Golden Globe come Miglior film – commedia o musical, e un Grammy per la Miglior canzone scritta per un lungometraggio, un prodotto televisivo o un altro media visivo (Randy Newman, “When She Loved Me”/ “Quando lei mi amava”). Uscito nel 2010, Toy Story 3 – La Grande Fuga ha vinto due Oscar come Miglior film d’animazione e per la Miglior canzone originale (Randy Newman, “We Belong Together”), oltre a un Golden Globe e un BAFTA come Miglior film d’animazione, diventando inoltre il secondo lungometraggio Pixar a essere candidato all’Oscar come Miglior film.

Il franchise  si sarebbe dovuto concludere con il terzo capitolo, ma quasi a sorpresa ne è arrivato un quarto, che è stato in grado di mettere a tacere i pessimisti e tutti coloro che immaginavano un film realizzato soltanto per sbancare al box office

(fonte: USWeekly.com)

No more articles