Arriva la serie TV di Turner & Hooch

Nel 1989 arrivava nei cinema Turner & Hooch, film per famiglie divenuto abbastanza iconico grazie anche, e forse soprattutto, alla presenza del volto pulito e da perfetto american boy dell’eterno Tom Hanks.

Il detective Scott Turner era preciso, meticoloso ai tratti dell’ossessivo, cuore solitario melanconico ma al tempo stesso pervaso da un’ironia caustica e alla ricerca di emozioni forti al di fuori della monotona Cypress Beach, in California. E quando nella sua vita piombano i trenta chili dell’indomito e bavoso Hooch qualcosa prende una piega inaspettata e lo spigoloso Turner sarà costretto a rivedere daccapo tutti i piani fatti fino a quel momento.

Trent’anni dopo il film originale con Tom Hanks

A distanza di oltre trent’anni arriva su Disney+ la serie che porta ancora il nome di Turner & Hooch e che si pone come una sorta di produzione a cavallo tra il sequel e lo spin-off. Facciamo infatti la conoscenza di Scott Turner II (interpretato da Josh Peck), che già dai primi istanti mostra i geni di quella compostezza maniacale che rende subito ben chiaro di chi sia figlio e di quale sia la sua provenienza.

Ma Scott Turner padre è morto recentemente e ha lasciato in eredità un altro Hooch, tale e quale all’originale ma decisamente meno rognoso, che tra una cosa e l’altra finisce per essere catapultato in casa del Turner figlio (ovviamente). La vita del giovane, che ha scelto il distintivo come il suo vecchio ma negli US Marshal, è però meno irta di spine: non vuole scappare dal suo lavoro o dalla sua città, pare abbastanza soddisfatto di ciò che lo circonda e, cosa più importante di tutte, ha una famiglia.

Certo, il cuore è spezzato dopo essersi separato da poco da quella che ora è la sua ex fidanzata – opportunatamente spiata su Instagram – ma perlomeno può contare sugli affetti di una madre, di una sorella dal carattere deciso e sul nipote. Insomma, messa da parte la spasmodica ricerca del proprio posto nel mondo che era il fulcro del film originale diretto da Roger Spottiswoode, la nuova Turner & Hooch creata da Matt Nix pare volersi concentrare prevalentemente su altro.

Turner & Hooch

Un buddy movie più action rispetto al passato

Rimane il fondamentale cuore da buddy movie, ma nel pilot ci si sposta maggiormente sul lato investigativo. Sia chiaro, restiamo all’interno di un reticolato adeguatamente costituito per fare riferimento esclusivo a un prodotto di consumo familiare, dove la svolta action mette in ballo più sparatorie e proiettili esplosi pur senza esporsi troppo o con troppa foga.

Lo spazio dedicato alle indagini è intervallato frequentemente dai momenti rilassati di una ri-scoperta del ruolo della famiglia, dove al centro di entrambe si erge sempre la figura massiccia di Hooch, collante all’interno dei rapporti umani e chiave di volta durante gli snodi cruciali di risoluzione di un caso.

Non aspettiamoci nulla di particolarmente complesso quindi, ricordando sempre quale è il target della serie che mantiene l’impronta leggera e spensierata del film del 1989, pur tentando di affacciarsi con uno stile differente a una formula già ampiamente esplorata.

Turner & Hooch arriva a cadenza settimanale sulla piattaforma streaming di Disney (una politica di rilascio sull’onda di WandaVision & co.) e potrebbe rappresentare una buona opzione per gli amanti dei cani che cercano qualcosa da condividere, magari, con i più piccini.

Laureato in Arti e Scienze dello Spettacolo all'Università Sapienza di Roma, al momento prosegue lo studio accademico del mondo del cinema. Interessato attivamente nella sfera della critica cinematografica, è caporedattore per la webzine studentesca DassCinemag e autore all'interno delle redazioni di Anonima Cinefili, Fabrique du Cinema e StayNerd, con pubblicazioni anche sulla rivista culturale Singola. Il suo unico credo è quello dettato dalla Forza. This is the way.