Dopo Martin Scorsese anche Vincent Cassel si scaglia contro i cinecomic: “Sono film per bambini”.

Ricorderete lo scorso autunno la polemica infinita tra Martin Scorsese, i film Marvel e i fan di questi ultimi, dopo che il leggendario regista aveva dichiarato di non considerarli veri e propri film, ma “un parco giochi”: una polemica che ora sembra riaccendersi con le parole di Vincent Cassel, le cui dichiarazioni sui cinecomic forse faranno innervosire ancora di più i fan.

Il personaggio interpretato dall’attore in Westworld è infatti un supervillain, e l’attore stesso, vuoi per il suo look, vuoi per il tipo di recitazione, sembra nato per interpretare parti del genere: per fare il cattivo insomma.

Ecco perché durante una recente intervista gli è stato chiesto proprio se fosse interessato ad interpretare un ruolo simile per un cinecomic Marvel o DC, ipotesi che l’attore ha preferito scartare:

“Onestamente non guardo più questo genere di film. Quando uscì questo genere di tecnologia e il fatto che all’improvviso Iron Man o Spider-Man sembravano reali e non finti per via degli effetti speciali, mi interessava. Ma poi è diventato normale.

Ero un grande fan dei fumetti quando ero ragazzino. Ora però credo che questi siano film per ragazzini, davvero. E anche se c’è ancora una parte di me che è ancora un ragazzino, direi di no. E non li guarderei.”

vincent cassel cinecomic

Insomma, parole abbastanza dure nei confronti di quello che è diventato uno dei generi più di successo negli ultimi tempi, basti pensare ai numeri di Avengers: Endgame.

Vincent Cassel ha poi continuato però, lasciando un minuscolo spiraglio aperto: “Forse se ci fosse un grande villain, e il film fosse fatto da qualcuno davvero intelligente e talentuoso tanto da dargli un tagli diverso, in modo che non sembri un film per bambini, allora forse lo farei. Altrimenti no”.

Che ne pensate delle sue parole?

(Fonte: Inverse.com)

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui