Per combattere la concorrenza di Netflix e del nuovo servizio Disney, la Warner Bros. prepara la piazza per il proprio servizio di streaming.

Il servizio streaming della Warner Bros includerà anche la HBO e quindi programmi famosi come Game of Thrones e Westworld.

A rivelarlo il CEO di WarnerMedia John Stankey, affermando che il nuovo servizio on demand includerà tutti i marchi WarnerMedia, tra cui TBS, Warner Bros. Entertainment e la già citata HBO.

L’acquisto di Time Warner da parte di AT&T, costato $85,4 miliardi, ha provocato notevoli cambiamenti all’interno delle principali divisioni operative di Time Warner e di altre compagnie associate.

Stankey ha dichiarato che WarnerMedia ha intenzione di modificare  l’esperienza con la quale il pubblico si interfaccia ad alcuni network, in particolare quello di HBO, ispirandosi a piattaforme come Netflix e Hulu.

Poche ore fa sono arrivate le ufficializzazioni da Stankey sul percorso che prenderà il servizio streaming:

Ci impegniamo a lanciare un prodotto avvincente e competitivo che servirà da complemento alle nostre attività esistenti e ci aiuterà a espandere la nostra portata offrendo una nuova scelta per l’intrattenimento con la collezione WarnerMedia di film, serie televisive, biblioteche, documentari e animazione, con i prodotti più amati dai consumatori di tutto il mondo.”

Dopo la fusione, AT&T ha assicurato ai clienti della HBO che la loro influenza non sara` invasiva.

Con DC, Disney ed Apple che hanno creato la propria versione del modello Netflix, era scontato che WarnerMedia si adattasse alle nuove tendenze, l’intralcio maggiore per la compagnia sara` il prezzo dell’abbonamento.

Ad oggi il costo per HBO è di $14,99, Stankey ha rivelato che il prezzo del nuovo servizio di abbonamento sara` maggiore. Se WarnerMedia vuole fare concorrenza a Netflix, Hulu e simili, le cui tariffe base sono fra i $7,99 e i $12,99 (Amazon Video, che però include i vantaggi di Amazon Prime) dovrà assicurarsi una serie di contenuti esclusivi che valgano l’aumento del costo.

(fonte: cnet.com)

No more articles