Nonostante l’inizio di Split complicato, la realtà YDN ha posto le basi per un futuro radioso.

 

Gli YDN, dopo le prime due settimane di Nationals Summer Split 2020, si ritrovano in fondo alla classifica con un mesto 0-4. Le sconfitte, però, sono arrivate, comunque, dopo game sostanzialmente positivi, dove si è pian piano iniziato a vedere un’identità di gioco, seppur grezza, tale da poter far ben sperare i tifosi per il futuro.

YDN

Il penultimo game, purtroppo, è stato fortemente condizionato anche dalla disconnessione di Pese che, dopo la aver pickato Gangplank, ha avuto problemi di connessione dopo appena un minuto di gioco. Una sfortuna che si è presto unita alla severa regola di Riot Games che prevede l’impossibilità di poter far riconnettere un giocatore dopo 10 minuti di abbandono, e il non poter immettere un sub visto il game in corso. Regole che esistono per essere rispettate sì, ma non significa che debbano per forza di cose essere anche giuste.
Tralasciando le querelle da 90esimo minuto, gli YDN sono riusciti a difendersi egregiamente anche in inferiorità numerica, dando priorità alla botlane, conquistando il primo drago, e riuscendo a vincere su tutti i fronti la corsia inferiore. Benissimo Eneino con Kalista, vicinissimo allo snwoball decisivo, che ha dovuto arrendersi solamente dinnanzi ad un fastidioso Shen libero di farmare in totale libertà la top.
L’ultimo game contro gli Outplayed, invece, ha mostrato al pubblico due team equilibrati, che sono stati capaci di darsi battaglia su tutti i fronti. Peccato per il duello in giungla tra la Rek’Sai di Gue e il Lee Sin nemico, che, andando contro le aspettative, ha visto ottenere un leggero vantaggio da parte del campione di Ionia. Lo scaling devastante degli Out, in mid/late game ha fatto il resto contro un team coriaceo, ma incapace di scalare bene quanto un Ornn, una Cassiopeia e soprattutto un Aphelios.

Prima di quest’ultimo game, però, abbiamo avuto il piacere di poter intervistare tre elementi di questo neonato progetto. Il top laner Pese, il coach Revilvage e il giovanissimo carry Eneino, che ci hanno spiegato la nuova strategia scelta dagli YDN, le aspettative future e la coesione che si è andata a creare all’interno del team. Trovate l’intervista podcast all’interno del nostro format Gaming Wildlife, disponibile su tutte le principali piattaforme di streaming, tra le quali Spreaker e Spotify.

No more articles