Un trailer convincente… ed era pure ora…

Precisi come la punta affilata del mento di Ben Affleck ecco ci di nuovo qui a vedere, e rivedere, e rivedere ancora il nuovo entusiasmante trailer di Batman v Superman. Ormai lo saprete, nonostante la pompa magna, la mascella di Ben Affleck e il fatto che Superman abbia imparato che le mutande vanno SOTTO e non SOPRA la calzamaglia, trovo la volontà di portare questo film al cinema molto debole, una corsa evidentemente fatta per arginare allo strapotere cinematografico Marvel. Parere mio eh, voi siete liberi di osannarlo quanto vi pare, ma trovo più ardito e intelligente proporre al cinema la Suicide Squad che la JLA (o pezzi della futura JLA) a fronte dell’uscita di un Civil War che è arrivato dove è arrivato non a tentoni ma con un lavoro di anni. Ciò detto trovo il trailer comunque di ottimo livello, forse il primo, vero, trailer capace di farmi dire:” mmmh… quasi quasi mi vedo il film”, a fronte dei precedenti che… vabè… andiamo avanti. Questi sono “12 cose che (forse) non hai percepito nel nuovo trailer di Batman v Superman”, il Nerd-segnale è acceso, è ora di andare a caccia!

[Nostabs][Nostab title=”1″ action=”active”]

Il Bat-Wing

La prima cosa che avrete notato è che la prima parte del trailer si concentra quasi esclusivamente su Batman, ed in minor misura sul promettente Alfred interpretato da Jeremy Irons. Il Bat-Wing scende di quota approcciandosi ad un casolare apparentemente abbandonato, pieno di sgherri pronti a prendersi le botte e poi via di mazzate in pose da duro. Non c’è molto da dire qui, ma vorrei rifletteste su una cosa che in parte avevo anticipato nell’ultimo articolo simile dedicato alla Suicide Squad: questo è un film fumettoso. Lo dimostra non solo l’azione a base di Bat-calci in culo che seguirà, ma l’intera ripresa del Bat-Wing, che scende dal cielo per andare a menare i cattivi. Sembra una citazione, più o meno voluta, di una mezza infinità di tavole a fumetti e questo, sinceramente, mi piace. Un’inversione di tendenza rispetto alla “classica” DC cinematografica del post Superman Returns, nonché un allontanamento nettissimo dalle atmosfere super realistiche dei film di Nolan.

Cattura

[/Nostab][Nostab title=”2″]

Alfred

Bisogna saperne molto poco per glissare Alfred come un semplice maggiordomo. La figura di Alfred, che accompagna Batman sin dal lontano 1943, è tra le più misteriose e camaleontiche della Bat-family, ed è stata spesso soggetta a revisioni e congetture. Negli anni si è capito, comunque, che Alfred non è solo un semplice domestico, ma è una mente brillante e versatile, supporto perfetto per un uomo ambizioso e intelligente quale Bruce Wayne di fatto è. Orbene dimenticando l’impostazione “classica” del maggiordomo raffinato tipica della bellissima serie animata anni ’90, l’Alfred tinteggiato da Snyder non è solo un mentore (come quello di Nolan) ma anche un uomo d’azione, come si evince dal fatto che aiuti Batman nell’entrare in azione prendendo il controllo a distanza del Bat-Wing. Si tratta di una novità per i film con il pipistrello, molto simile a quanto si sta facendo per la serie Gotham in cui Alfred è, similmente a quanto si è talora intuito nei fumetti, non solo un eccellente domestico ma anche un uomo con una formazione militare alle spalle (ex SAS secondo certi cicli fumettistici) o comunque un uomo d’azione.

Cattura

[/Nostab][Nostab title=”3″]

L’azione forsennata

Il trailer è la prima occasione per vedere all’opera il Cavaliere Oscuro. Da notare l’assoluta fisicità dell’azione, con un Batman particolarmente violento nell’annientare la minaccia nemica, ma non per questo meno spettacolare. Forse però non avrete notato che Batman non sta effettivamente combattendo a mani nude, ma impugnando un nuovo gadget dalle fattezze di una pistola o simile. L’azione è molto veloce ed è difficile capire se sia un’arma corpo a corpo (simil manganello) o magari un pacificatore elettrico. Non mancheranno comunque i classici Batarang che nella loro nuova veste sono anche mostrati più in là nel trailer. Quel che è evidente è che ancora una volta l’azione sa fortemente di fumetto, con situazioni ai limiti del surreale come il bandito “inchiodato“ al suolo di testa. Si percepiscono reminiscenze del più recente Batman videoludico, non trovate?

Cattura

[[/Nostab][Nostab title=”4″]

Old Batman?

Finite le mazzate c’è una linea di dialogo, forse quella che ad oggi ci ha incuriosito di più, in cui Bat-Affleck ed Alfred discorrono sul tempo passato ad essere il giustiziere di Gotham (“sto diventando lento con l’età’ “Persino tu sei diventato troppo vecchio per morire giovane. E non che tu non ci abbia provato.”). Che questo non fosse un film sulle origini era chiaro, anche solo per l’aspetto “maturo” che Ben Affleck ha dato al suo Bruce Wayne, tuttavia adesso sorge un interrogativo importante: da quanto tempo Batman è il giustiziere di Gotham? Quanti anni sono passati, e quali nemesi (salvo ovviamente il Joker) ha già incontrato? Ma soprattutto, ci sarà spazio per un Bruce Wayne che si fa da parte nel corso del film? Magari come fu per il Batman del ciclo milleriano a cui, ovviamente, questo film – in parte – si rifà?

Cattura

[/Nostab][Nostab title=”5″]

Batman Arkham Knight?

E sempre in tema “fumettosità” ci sembra ci sia un netto passo indietro guardando a quella che era la Batmobile Tumbler, alla sua nuova versione. L’auto di Batman è presente nel trailer e la si vede finalmente un po’ più in movimento, rispetto ai trailer precedenti in cui la si vedeva per lo più immobile. La nuova Batmobile ha una linea più agile e sinuosa della precedente, molto aderente alla (spesso) oblunga macchina apprezzata in anni di fumetti. Personalmente la trovo agile e veloce come quella rappresentata in Batman Arkham Knight e, vista la qualità della produzione Rocksteady, non mi meraviglierebbe se non fosse un caso.

Cattura

[/Nostab][Nostab title=”6″]

Lois e Marta

Il trailer è però anche un’occasione per dare uno sguardo in più alle donne di Superman, in particolare ad Amy Adams, ovvero a Lois Lane, presente in una scena in cui viene “romanticamente aggredita” da Clark nella vasca da bagno. Originariamente si credeva che nel film ci fosse spazio ad una romance tra Superman e Wonder Woman (come del resto è spesso successo nei fumetti) ma questa scena di amorevole complicità da bagno fuga ogni dubbio su chi sarà la protagonista del cuore di Clark. Plus, come ricorderete, il film è stato analizzato dal sistema di rating cinematografico americano ed è stato stabilito che esso conterrà “alcune sensualità”. Questa scena ci sembra abbastanza sensuale, ma non è detto che non ci sia di più. Più avanti ci sarà anche occasione per dare uno sguardo a Marta Kent, ad oggi presentata in modo ufficiale solo nel corso dell’ultima San Diego Comic Con, ed oggi riapparsa anche nel trailer in cui, in seguito ad un non meglio identificato shock, lascerà cadere a terra una caraffa.

Cattura

[/Nostab][Nostab title=”7″]

Infrangere le regole

Ok lo avrete visto tutti: ad un certo punto Batman utilizza un’arma per sparare a Sups. Il kryptoniano dal canto suo non batte ciglio e ferma il proiettile con una mano. Ora, difficile dire se sia una pallottola, una granata, un bon bon alla kyptonite o chissà cosa, ma ci pare evidente che si tratti comunque di una qualche forma di proiettile. Quella che impugna Batman è, insomma, un’arma senza se e senza ma, infrangendo una delle poche regole su cui il giustiziere di Gotham difficilmente ha voluto transigere: niente pistole.

Cattura

[/Nostab][Nostab title=”8″]

Bat-Wing a Metropolis

C’è una cosa che non è mai stata chiarita in questi lunghi mesi di attesa: ste mazzate tra supereroi n’dò se le damo? Ad oggi si dava per buono che esse fossero a Gotham, poi la presenza di Luthor, ha lasciato suggerire che fossero a Metropolis. Il nuovo trailer mostra chiaramente il Bat-Wing girovagare per Metropolis, lasciando presupporre che Batman andrà a bussare alla porta del kryptoniano. La nostra teoria? Le mazzate voleranno dovunque possano volare, tanto a Gotham quanto a Metropolis, così non si offende nessuno.

Cattura

[/Nostab][Nostab title=”9″]

Batman & Wonder Woman

Plausibile che Batman non voglia condividere il letto con nessuno, ma non è improbabile presupporre che Bruce Wayne sia di un’idea completamente differente. Il trailer ci mostra infatti Bruce che, nel mezzo di una serata di gala, cerca di approcciare con atteggiamento guascone l’affascinante Diana Prince alias Wonder Woman. “Ho conosciuto poche donne come te” e sorpresa delle sorprese, sentiamo persino Diana dire una battuta, praticamente la prima da quando il personaggio è state presentato o mostrato in altri trailer. “Non credo tu abbia mai conosciuto una donna come me” dice lei. Segue faccia da pirla di Ben Affleck.

Cattura

[/Nostab][Nostab title=”10″]

Gotham

Forse non lo avrete percepito ma il trailer ci dà la possibilità di ammirare, per la prima volta, l’intera skyline cinematografica di Gotham, laddove essa era stata solo vagamente tinteggiata dai precedenti film di Nolan. La “nuova” Gotham ci sembra abbastanza realistica, anche se piuttosto cupa per lo standard di una vera metropoli. È evidente che si è seguito il trend fumettistico in cui, pur senza alcuna contaminazione in art decò (cose che personalmente ho sempre adorato) ci sembra cupa al punto giusto.

Cattura

[/Nostab][Nostab title=”11″]

Ω

Poco prima della fine del trailer possiamo assistere ad un cambio completo della scena. Batman, con il costume già apprezzato nei trailer precedenti, assiste ad un paesaggio in parte desertico, che ha alle spalle una città (probabilmente Gotham) che sta evidentemente cadendo in pezzi. Avete notato l’enorme “omega” stampato nella sabbia? È la fine, il crepuscolo dell’umanità, probabilmente per mezzo di Superman (come ricorderete da precedenti trailer). Una fine simbolicamente rappresentata dal deserto e dalla disperazione. Una fine che non è ancora realtà, ma che certamente è manifesta per mezzo di una visione, forse un incubo di Bruce (non si sa in che stato mentale) come anche spoilerato dall’apposita action figure del costume indossato da Bats, neanche troppo velatamente chiamata “Knightmare Batman”.

Cattura

[/Nostab][Nostab title=”12″]

Mo se menamo

Tutto il trailer è pervaso da un senso di inadeguatezza di Batman nei confronti di Superman. Il kryptoniano, il “falso dio” è manifestazione di potenza in ogni singolo fotogramma. Sia esso indifferentemente colpito dalla Batmobile, o grondante di rabbia sotto la pioggia (avete visto il fotogramma di Sups con gli occhi rossi? Non pensate abbia un aspetto “Bizzarro”?). Nei pochi faccia a faccia tra i due supereroi presenti nel trailer si nota sempre la facilità con cui Superman contrasta e respinge l’offensiva di Batman ma poi… alla fine del trailer… il Crociato Incappucciato para senza molta fatica un colpo di Superman, con evidente stupore di quest’ultimo. Difficile dire se sia grazie all’armatura (con cui ha preso gli schiaffi meno di un minuto prima) o se grazie ad un trucco a base di kryptonite, quel che è certo è che per una parte dello scontro Batman si renderà capace di combattere alla pari con Sups in uno scontro tra titani da manuale.

Cattura

[/Nostab][/Nostabs]

No more articles