6 nomi (più o meno) giovani e famosi per sostituire Ben Affleck

Come ormai sappiamo, The Batman (ammesso che sarà questo il titolo) ha una data ufficiale (Giugno 2021) , ed ovviamente dopo il forfait di Ben Affleck, che aveva anche buttato giù un probabile script, e il cambio al timone con Matt Reeves regista, inizia ad impazzare il totoWayne.
Abbiamo inoltre saputo che l’attore che vestirà i panni dell’uomo pipistrello sarà probabilmente circa 15-20 anni più giovane rispetto ad Affleck, e la storia noir che vuole raccontare il regista sarà più incentrata sul lato poliziesco di Batman rispetto alla tanta azione vista fino ad ora. Del resto, ci tiene a precisare Reeves, “nei fumetti ci sono molte di queste storie, ma nei film non se n’è mai vista una”.

Già ieri i social hanno contribuito a creare aspettativa e a dar vita a situazioni buffe, con l’attore Nick Jonas che si è esplicitamente candidato per sostituire Ben Affleck. HYPEBEAST infatti ha creato un post su Instagram, chiedendo alla gente chi avrebbe voluto come prossimo Batman e Jonas ha risposto inserendo il proprio nome e cognome. Una trovata per farsi un po’ di pubblicità o qualcosa di più? Noi pensiamo la prima, ma mai dire mai.

A questo punto anche noi ci siamo voluti divertire un po’, ed abbiamo provato a mettere in piedi una lista di 6 attori che potrebbero interpretare il prossimo Bruce Wayne, tenendo presente le caratteristiche che dovrebbe avere un Batman e quelle cercate da Reeves, ovvero età piuttosto giovane e un volto “familiare”, noto al grande pubblico.

Divertitevi con noi!

Kit Harington

Mettiamo subito in lista Kit Harington poiché, oltre ad esser accostato all’eroe da ormai molto tempo, si vociferava pure che col passaggio di consegne a Matt Reeves, sarebbe stato proprio quello di Harington il nome più caldo. Inoltre si tratta di un personaggio amatissimo dal grande pubblico ed una sfida sicuramente suggestiva e intrigante per il nostro Jon Snow, che oltretutto ha ora la possibilità di concentrarsi su nuove opportunità lavorative, vista la conclusione de Il Trono di Spade. Non ha 20 anni in meno di Ben Affleck, ma sarebbe comunque un Batman piuttosto giovane.

Taron Egerton

Il suo Robin Hood è stato tutto fuorché un successo, ma non certo per colpa sua. L’attore ha anzi cercato con la sua interpretazione di limare i difetti dell’opera di Otto Bathurst, ed in ogni caso il risultato finale non intacca minimamente la sua reputazione, costruita a pane e spionaggio con Kingsman, per poi ritrovarsi al fianco di Tom Hardy in Legend. Ora per lui è persino arrivato il momento di misurarsi con una pellicola molto diversa, ovvero Rocketman di Dexter Fletcher, in cui interpreterà Elton John. Segno di un’indole artistica eclettica, il che ovviamente ci porta a considerlo come un papabile Wayne, anche per via della sua età e della sua struttura fisica.
E poi passerebbe da un Robin (Hood) a Batman…

prossimo batman

Aaron Taylor-Johnson

Giovane, ben noto al grande pubblico e con in più esperienza pregressa da supereroe, sia nelle vesti bizzarre di Kick-Ass, che – soprattutto – in quelle di Quicksilver in Captain America: Winter Soldier e Avengers: Age of Ultron. Taylor-Johnson è un attore rodato, di grande levatura e con margini di miglioramento che sembrano non finire mai. Stupì tutti con la sua incredibile performance in Animali Notturni di Tom Ford, ed ottenne anche un Globe (assurdo che poi non ricevette nemmeno la nomination agli Oscar; caso più unico che raro).

Insomma, crediamo che Aaron Taylor-Johnson sia davvero in grado di interpretare qualsiasi ruolo, e di certo non si tirerebbe indietro di fronte alla possibilità di vestire i panni dell’uomo pipistrello.

prossimo batman

Jack O’Connell

Forse è il nome meno conosciuto della lista, ma ve lo proponiamo perché recentemente è stato più volte accostato al nuovo Batman.
Ne ha fatta di strada dai tempi di This is England, e tra le sue più importanti performance annoveriamo quella in Unbroken di Angelina Jolie, dove interpretò con ottimi risultati Louis Zamperini, ottenendo persino un BAFTA come migliore stella emergente. Quella stella sembrava aver perso un po’ di intensità, complice forse anche qualche scelta non del tutto indovinata, ma ci ha pensato la serie TV Godless a donargli nuova linfa ed ora l’attore britannico viene da mesi accostato alla figura di Batman. Effettivamente potrebbe essere una scelta interessante.

Nicholas Hoult

Il passaggio da una parte all’altra della barricata, da Marvel ai cugini della DC o viceversa, non è mai semplice, soprattutto quando interpreti per anni un ruolo con il quale gli spettatori ti identificano universalmente. Eppure ci sono stati diversi casi in cui ciò è avvenuto senza troppi problemi, e citiamo il più recente Tom Hardy, che dopo aver interpretato un villain importante come Bane, si è poi calato nei panni di Venom.

Potrebbe essere il caso anche di Nicholas Hoult, un altro di quegli attori relativamente giovani che stanno maturando moltissimo professionalmente, e l’ultima conferma arriva da uno dei film candidati all’Oscar, La Favorita, dove interpreta Robert Harley. Non molto minutaggio a disposizione, ma ben sfruttato, soprattutto per dimostrarci che dietro quella faccia da bravo ragazzo si nasconde un talento in grado di calarsi in ruoli anche molto diversi dagli standard a cui finora ci aveva più o meno abituato.
Dopo Bestia, Hoult potrà diventare anche Batman?

Ben Barnes

Il sesto nome, il classico +1 alla lista dei 5 è Ben Barnes. Si discosta un po’ dagli altri per il fattore età, essendo dell’81 e quindi non più giovanissimo, ma in fondo ne dimostra parecchi di meno. Sarà merito della cura Dorian Gray. Battute a parte, Barnes potrebbe essere un Batman perfetto perché ha evidenziato nel corso del tempo questa sua duplice natura, elegante e composta – come il suo aspetto indicherebbe – in contrapposizione a quella spietata e a tratti subdola, come in Westworld e The Punisher, ad esempio. Questi due lati della medaglia farebbero di lui, in sostanza, un Bruce Wayne credibile ed un Batman convincente.

prossimo batman

Nato e cresciuto a Roma, sono il Deputy Editor e Vice Direttore di Stay Nerd, di cui faccio parte quasi dalla sua fondazione. Sono giornalista pubblicista dal 2009 e mi sono laureato in Lettere moderne nel 2011, resistendo alla tentazione di fare come Brad Pitt e abbandonare tutto a pochi esami dalla fine, per andare a fare l'uomo-sandwich a Los Angeles. È anche il motivo per cui non ho avuto la sua stessa carriera. Ho iniziato a fare della passione per la scrittura una professione già dai tempi dell'Università, passando da riviste online, a lavorare per redazioni ministeriali, fino a qui: Stay Nerd. Da poco tempo mi occupo anche della comunicazione di un Dipartimento ASL. Oltre al cinema e a Scarlett Johansson, amo il calcio, l'Inghilterra, la musica britpop, Christopher Nolan, la malinconia dei film coreani (ma pure la malinconia e basta), Francesco Totti, i navigli di Milano (vabbè, so' un romano atipico), la pizza e la carbonara. I miei film preferiti sono: C'era una volta in America, La dolce vita, Inception, Dunkirk, The Prestige, Time di Kim Ki-Duk, Fight Club, Papillon (quello vero), Arancia Meccanica, Coffee and cigarettes, e adesso smetto sennò non mi fermo più. Nel tempo libero sono il sosia ufficiale di Ryn Gosling, grazie ad una somiglianza che continuano inspiegabilmente a vedere tutti tranne mia madre e le mie ex ragazze. Per fortuna la mia attuale sì, ma credo soltanto perché voglia assecondare la mia pazzia.

2 Commenti

  1. […] L’obiettivo in comune di Marvel e DC negli ultimi anni è stato quello di riuscire ad ottenere nuovi lettori, tentativi effettuati soprattutto sul versante Marvel, con continui rilanci e numeri 1, cosa che ha un certo punto ha portato alla saturazione del mercato. Ma la verità è che i lettori di oggi sono più interessati agli universi cinematografici e non a personaggi cartacei con ottant’anni di storie sulle spalle che, per quanto vengano “resettate”, sono sempre troppo condizionate dal (glorioso) passato per poter attirare un nuovo lettore. Ecco perché ormai le notizie su nuovi film, nuove serie TV o il recast di alcuni eroi superano di gran lunga, a livello di clamore mediatico, i progetti delle case editrici che teoricamente quei personaggi li hanno creati. Questo è successo, per esempio, ultimamente con Aquaman, Watchmen, Titans, Doom Patrol e Batman.  […]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui