L’anno di pausa che Ubisoft decise di prendersi per “dare una sistemata” alla saga di Assassin’s Creed, sembra che stia continuando a dare i suoi frutti. Il più recente capitolo del gioco, Assassin’s Creed: Origins, continua ad essere lodato sia dal pubblico che dalla critica (qui la nostra recensione) e non stupisce più di tanto sapere che la casa di sviluppo francese, non ha ancora finito di raccontarci le vicende legate a Bayek.

Yves Guillemot, CEO di Ubisoft, è stato recentemente contattato da uno degli editor di Kotaku e, rispondendo a un quesito relativo alla possibilità di tornare a vedere un nuovo capitolo della saga a cadenza annuale, ha dichiarato non solo che non sembra rientrare nei piani dell’azienda, ma che il supporto ad Origins è ben lontano dalla sua fine.

“Al momento ci stiamo concentrando su AC: Origins, del quale stiamo sviluppando qualche altro DLC. Resterete entusiasti di quello che arriverà nel gioco, questa è l’unica cosa che possiamo dire al momento.”

Nuovi DLC in arrivo dunque, che vanno a sommarsi ai due già annunciati, Gli Occulti (disponibile dal 23 Gennaio) e La Maledizione dei Faraoni (Primavera 2018) e alla nuova modalità Discovery Tour, andando ad arricchire ulteriormente il mondo di gioco di AC: Origins.

Romano di nascita, nerd per passione, amante di Final Fantasy, di Batman e dei Cavalieri dello Zodiaco. Parla poco ma ascolta e osserva molto, sente un’affinità smodata con i lupi e spera di rincarnarsi in uno di loro. Cede spesso alle tentazioni della rabbia con picchi che creano terremoti in Cina per l’Effetto Farfalla e odia la piega che sta prendendo l’Universo-Videoludico negli ultimi anni.