Scelto il nuovo sceneggiatore di Doctor Who: torna al timone della serie Russel T Davies, che ha guidato il revival dello show dal 2005 al 2009

Come vi avevamo raccontato, lo sceneggiatore Chris Chibnall e l’attrice Jodie Whittaker, lasceranno Doctor Who al termine della tredicesima stagione, e mentre ancora non si sa nulla per quanto riguarda l’attore o attrice che erediterà il ruolo del Dottore, finalmente scopriamo chi sarà il nuovo sceneggiatore della serie.

Per la verità non si tratta di un nome nuovo, ma di un gradito ritorno: sarà infatti Russel T Davies a prendere il timone dello show: si tratta dello showrunner responsabile del revival della serie nel 2005, che tornerà per celebrare il sessantesimo anniversario di Doctor Who nel 2023 e per le serie successive a quella data.

Davies ha posto le basi per il grandissimo successo della serie, e durante il suo periodo da showrunner sono state anche create due serie spin off come Torchwood e The Sarah Jane Adventures, prima che l’autore lasciasse nel 2009. I suoi lavori successivi includono Years and Years, A Very English Scandal e It’s a Sin.

doctor who nuovo sceneggiatore

Doctor Who: le parole del nuovo sceneggiatore Russel T Davies

“Sono più che entusiasta di tornare nel mio show preferito, ma stiamo viaggiando nel tempo troppo veloci: prima c’è una serie intera da godermi con il brillante Dottore di Jodie Whittaker, e con il mio amico ed eroe Chris Chibnall alla guida. Per il momento sono ancora uno spettatore”, ha detto l’autore.

Dal canto suo anche lo stesso Chibnall si è dimostrato contento della scelta, dicendo che i fan hanno davvero tutte le ragioni di essere entusiasti di ciò che gli aspetta in futuro. Un grande ritorno per la serie insomma, sperando di avere un futuro ancora molto roseo davanti.

Che ne pensate della scelta di BBC? Vi fa piacere il ritorno di Russell T Davies al timone di Doctor Who?

(Fonte: Doctor Who)

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.