Manca poco al lancio della piattaforma TRUTH, il social network di Donald Trump

Un social network a immagine e somiglianza di Donald Trump, con il nome (alquanto pretenzioso) di TRUTH, ovvero verità. Questo lo scenario che si concretizzerà entro il prossimo mese, dando concretezza alla promessa del Tychoon di crearsi una propria piattaforma, dopo il ban ricevuto nel mese di Gennaio su tutti i siti principali.

Come certo ricorderete il 6 Gennaio si è consumata una pagina drammatica della storia a stelle e strisce, con l’assalto a Capitol Hill, sede del Congresso USA. In questo contesto proprio il presidente uscente avrebbe svolto un ruolo fondamentale nelle dinamiche che si sono consumate in quelle ore di follia. Nello specifico i manifestanti che hanno preso d’assalto il Campidoglio erano suoi sostenitori, molti dei quali avevano partecipato mostrando i simboli della campagna elettorale dell’ormai ex presidente.

L’accusa rivolta a Trump all’epoca fu quella di aver sobillato di partecipanti, fomentando la loro ira e incanalandola verso l’aggressione al simbolo delle istituzioni statunitensi. Il tutto attraverso l’utilizzo del social media, cosa che avrebbe portato alla scure sui suoi account per incitamento all’odio e alla rivolta.

donald trump social network 00

Come funzionerà TRUTH, il social network creato dalle compagnie di Donald Trump

La piattaforma TRUTH al momento è descritta come un social “a inviti”, dove alcune persone selezionate potranno entrare a far parte del sito e, al suo interno, caricare dei contenuti in cui parleranno della propria posizione.

La creazione di questo progetto, che vedrà anche il lancio di un’app apposita, è opera della neonata Trump Media & Technology Group, compagnia fondata con lo scopo dichiarato di affrontare le multinazionali del settore, le cosidette Big Tech.

Difficile dire come evolverà la situazione. Nel corso del prossimo mese è previsto il lancio “soft” dell’app, a cui poi seguirà quello su scala mondiale nel corso del 2022. Di sicuro era una possibilità che l’opinione pubblica paventava da tempo e che ora sembra essere decisamente vicina alla sua realizzazione.

(fonte: THR)

Leggi anche:

Genovese, classe 1988. Laureato in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie, Federico dedica la maggior parte del suo tempo a leggere cose che vanno dal fantastico estremo all'intellettuale frustrato. Autore di quattro romanzi scritti mentre cercava di diventare docente di storia, al momento è il primo nella lista di quelli da mettere al muro quando arriverà la rivoluzione letteraria e il fantasy verrà (giustamente) bandito.