Stephen King svela i suoi film preferiti

Lo aveva già svelato in occasione di IT – Capitolo Uno, di Andrés Muschietti ma di recente Stephen King è tornato a parlare di cinema indicando una lista di 22 film che reputa come i migliori di sempre. Ovviamente, e non c’è da stupirsene, ci sono molti film di genere horror.

Vediamo insieme quali sono:

L’autopsia di Jane Doe – di André Øvredal, 2016
The Blair Witch Project – di Daniel Myrick e Eduardo Sánchez, 1999
The Changeling – di Peter Medak, 1980
Crimson Peak – di Guillermo del Toro, 2015
Dawn of the Dead – di Zack Snyder, 2004
Deep Blue Sea – di Renny Harlin, 1999
The Descent – di Neil Marshall, 2005
Duello – di Steven Spielberg, 1971
Les Diaboliques – di Henri-Georges Clouzot, 1955
Destinazione finale – di James Wong, 2000
Orizzonte degli eventi – di Paul W.S. Anderson, 1997

The Hitcher – di Robert Harmon, 1986 e Dave Meyers, 2007
L’ultima casa a sinistra – di Dennis Iliadis, 2009
The Mist – di Frank Darabont, 2007
La notte del demone – di Jacques Tourneur, 1957
The Ruins – di Carter Smith, 2008
Stregone – di William Friedkin, 1977
Patrigno – di Joseph Ruben, 1986
Stir of Echoes – di David Koepp 1999
The Strangers – di Bryan Bertino, 2008
Villaggio dei Dannati – di Wolf Rilla, 1960
The Witch – Robert Eggers, 2015

stephen king film preferiti

Nel frattempo l’autore ha già visto IT – Capitolo 2 e ne è rimasto entusiasta, al punto da condividere il suo parere con su twitter:
“Siete impazienti di vedere IT Capitolo 2? Dovreste. Io l’ho visto, ed è fantastico.”

Dopo gli eventi del 1989, nel 2018 It ritorna; insieme a lui, torna a Derry anche il Club dei perdenti per sconfiggere definitivamente il male che affligge la loro città. Nel cast troviamo Jessica Chastain, Bill Hader, James McAvoy, Isaiah Mustafa, e molti altri, compreso ovviamente Bill Skarsgard.

La pellicola verrà distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 6 settembre 2019, ed in quelle italiane dal 5 settembre 2019.
Nell’attesa magari potreste guardare uno dei film suggeriti da Stephen King. Perché no?

No more articles