Dan Aykroyd torna a parlare dei piani originali per Ghostbusters

Mentre i fan attendono l’uscita di Ghostbusters: Afterlife per poter vedere quale sarà il futuro della saga, Dan Aykroyd è tornato alle origini. Ha infatti rilasciato alcune dichiarazioni per quanto riguarda il film del 1984, confermando alcune delle scelte iniziali per il cast.

Nello specifico Aykroyd ha confermato che i tre Acchiappafantasmi originali dovevano essere lui, John Belushi ed Eddie Murphy. Da tempo si sapeva che dovevano essere questi i nomi scelti per la pellicola, ma ora l’attore interprete di Raymond “Ray” Stantz si è lasciato andare a qualche particolare in più.

Per quanto riguarda Murphy il ruolo che era stato pensato per lui era quello di Peter Venkman, poi andato a Bill Murray. L’attore afroamericano tuttavia rifiutò il ruolo perché era già stato coinvolto in un altro progetto con Dan Aykroyd, “Una Poltrona per due“, temendo forse che due apparizioni insieme a così breve distanza li facessero identificare come una coppia comica.

Ghostbusters 3

Ben diversa la situazione per quanto riguarda John Belushi. L’attore formava con Aykroyd un sodalizio che era già stato portato sullo schermo in Blues Brothers, ma la sua morte improvvisa nel Marzo del 1982 sconvolse i piani del film.

“Stavo scrivendo delle battute per lui quando mi diedero la notizia della sua morte” ha svelato ora Aykroyd, non riuscendo a nascondere lo sconforto per quella fine prematura. In seguito nel progetto fu coinvolto Harold Ramis, interprete del dottor Egon Spengler.

Fu proprio con la collaborazione fondamentale di Ramis che si decise di riscrivere e ridisegnare il progetto, inserendo anche il personaggio del fantasmino Slimer, immaginato come tributo a John Belushi. Il direttore degli effetti speciali Steve Johnson ha svelato che, la sera prima della firma del contratto, Ramis e Aykroyd chiesero di inserire questo nuovo personaggio. “Lo immaginavano come una versione fantasma e molliccia di Bluto di Animal House”, uno dei personaggi più celebri di Belushi.

(fonte: ComicBook.com)

No more articles