Svelata data d’uscita e prezzo degli abbonamenti di Google Plus

Si è appena concluso l’evento Stadia Connect, dedicato al gaming secondo Google e sono arrivate tantissime notizie interessanti.

Intanto è stato annunciato Baldur’s Gate 3, cosa che non può che far piacere ai videogiocatori, ma le buone notizie non finiscono qui.

Potremo infatti usufruire appieno del servizio su qualsiasi dispositivo, che sia una TV, un tablet, un computer, ecc. mentre invece per quanto riguarda gli smartphone, perlomeno all’inizio saranno compatibili solamente i Google Pixel 3.

Tutte le specifiche tecniche in ogni caso le trovate nella nostra news dedicata.

Ma veniamo a due cose fondamentali: il prezzo e la data d’uscita.

Google Stadia Prezzo

Per quanto riguarda il costo, Google propone due tipi di abbonamento all’inizio: si parla di Stadia Pro, che costerà 9.99 euro al mese, e permetterà di giocare in 4K, HDR a 60 FPS e con il Surround 5.1.

Ma è previsto anche un pacchetto chiamato Founder’s Edition, che era stato per la verità già svelato nel leak di poco fa: al prezzo di 129 euro si riceveranno il controller ufficiale di Stadia, nella colorazione esclusiva Night Blue e con la possibilità di avere il proprio nome scritto sul pad. Nel pacchetto ci sono anche un Chromecast Ultra e tre mesi di abbonamento.

Acquistando questa versione si riceverà al lancio anche Destiny 2, insieme a tutti i contenuti extra già usciti, e la possibilità di poterlo giocare partendo dal proprio salvataggio.

La Founder’s Edition di Google Stadia sarà disponibile al lancio anche in Italia, ottima notizia per il nostro mercato. Google ha anche aggiornato la pagina ufficiale del proprio store, ed è dunque già possibile preordinare il pacchetto. Lo potete fare andando su questo link.

La data d’uscita precisa di Stadia non è stata rivelata, ma il servizio sarà attivo a partire da Novembre 2019. Manca poco insomma.

Che ne pensate di queste notizie? Stadia vi ha convinto? Siete già intenzionati a preordinare il Founder’s Pack? Ditecelo nei commenti!

 

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.