Daniel Radcliffe è grato a Harry Potter ma si sente ancora imbarazzato nel rivedersi nei panni del maghetto

Quando un attore viene identificato nel ruolo che l’ha reso celebre, soprattutto se la cosa è avvenuta in età giovanissima, è difficile togliersi di dosso l’etichetta che ti affibbia il pubblico, ed è senz’altro così per Daniel Radcliffe, che ha confessato durante una recente intervista di sentirsi ancora imbarazzato nel rivedersi nei panni di Harry Potter.

La saga cinematografica del celebre maghetto, basata sui libri di J K Rowling, si appresta a compiere vent’anni, mentre l’attore invece di anni ne ha 31, e nonostante si dica comunque ancora molto grato all’esperienza che di fatto gli ha cambiato la vita, ha spiegato di sentirsi ancora un po’ in difficoltà ripensando all’epoca in cui ha interpetato “il ragazzo che è sopravvissuto”.

“È difficile separare il mio rapporto con Harry Potter con il mio rapporto con i film in sé. Sono incredibilmente grato per quell’esperienza, mi ha fatto capire cosa volessi fare per il resto della mia vita. E scoprire così presto quello che ami richiede davvero molta fortuna. Ma sono intensamente imbarazzato dalla mia recitazione, ovviamente. È come chiedere “cosa ne pensi della tua adolescenza?””.

daniel radcliffe harry potter

L’attore non è l’unico membro del cast a sentirsi così: di recente anche Rupert Grint aveva dichiarato di non aver visto la maggior parte dei film della saga di Harry Potter: “Credo di aver visto solo i primi tre alle premiere, poi dopo non li ho più guardati. Adesso che ho una figlia però probabilmente dovrò iniziare a vederli con lei”.

Insomma, li abbiamo conosciuti che erano poco più che bambini, e adesso li ritroviamo cresciuti e con figli. Probabilmente è ora di superare anche il trauma dei film, che in fondo non c’è nulla di che essere imbarazzati per averci regalato una delle saghe di maggior successo di sempre. Accio cofanetto!

(Fonte: Metro.co.uk)

Diplomato al liceo classico e all'istituto alberghiero, giusto per non farsi mancare niente, Gabriele gioca ai videogiochi da quando Pac-Man era ancora single, e inizia a scriverne poco dopo. Si muove perfettamente a suo agio, nonostante l'imponente mole, anche in campi come serie TV, cinema, libri e musica, e collabora con importanti siti del settore. Mangia schifezze che lo fanno ingrassare, odia il caldo, ama girare per centri commerciali, secondo alcuni è in realtà il mostro di Stranger Things. Lui non conferma né smentisce. Ha un'inspiegabile simpatia per la Sampdoria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui