Chris Evans si schiera contro l’inserimento di James Dean in un film con la CGI: esplode la polemica

James Dean tornerà a recitare e no, non siamo impazziti, perché il leggendario attore statunitense rivivrà con la CGI: ed è subito polemica. La Magic City Films ha infatti ottenuto i diritti di sfruttamento dell’immagine dell’attore, esprimendo il desiderio di riutilizzarlo in una sua pellicola.

Il mondo di Hollywood non è nuovo a questo genere di controversie. Non molto tempo fa, infatti, fu utilizzato un metodo simile per permettere a Peter Cushing di essere presente in Rogue One. E, sempre in tema Star Wars, aveva fatto storcere il naso a qualcuno l’idea che Carrie Fisher potesse essere inserita in alcune scena usando la CGI, eventualità che non dovrebbe essere avvenuta.

Ma il caso di James Dean è completamente diverso. L’attore, morto in un incidente stradale nel 1955, sarà “riportato in vita” e ricostruito in computer grafica grazie a foto e filmati d’epoca, con un attore che lo doppierà.

A suonare la carica contro questo sfruttamento ai danni dei defunti è stato Captain America. E, di nuovo, non siamo impazziti. Chris Evans si è infatti scagliato ferocemente contro questa pratica.


“Sono certo che sarebbe entusiasta” ha commento aggiungendo un’emoticon capace di trasmettere tutto il suo sarcasmo. “Questa cosa è orribile. Magari con il computer potremmo ottenere un nuovo Picasso. Oppure qualche nuova canzone di John Lennon. Questa totale mancanza di comprensione è vergognosa”.

Una scelta che siamo certi continuerà a far montare la polemica, che difficilmente fermerà il ritorno di James Dean in CGI.

No more articles